Perché lo hai fatto, Ricky?

Qualsiasi suicidio dovrebbe scuotere il mondo, ma non tutti sono abbastanza grandi da farlo. Ci son quelli che avvengono nel tenebroso e indifferente anonimato, senza lacrime versate. Ci son quelli che invece creano ferite inguaribili, dolori che nemmeno quel gentiluomo del tempo che scorre riesce a curare. Questi ultimi, la maggior parte delle volte, non […]

Continua a leggere

“Make it rain”: il migliore che (non) si sia mai visto

The greatest who never was La calda estate losangelina del 1971. Sotto le Watts Towers c’è fervore. Non sono torri vere e proprie, qualcuno osa parlare di “attrazione turistica”, mentre secondo me sono semplicemente ammassi deformi di porcellana, conchiglie, pezzi di vetro; materiale recuperato, frutto del lavoro di un immigrato italiano nell’arco di trent’anni. Tant’è. […]

Continua a leggere

Quella città perdente sulle rive dell’Erie

Quando nasci vincente e diventi perdente è complicato, se nasci direttamente perdente è tutto più facile. Se poi da perdente passi a vincente, beh, è un altro mondo. Se nasci al piano terra e vivi tutta la vita al piano terra, quando ti sposti a vivere al terzo piano la vista sembra bellissima, dal quinto piano fantastica, […]

Continua a leggere

Kostantiniyye: sotto gli occhi del Sultano

“La nostra generazione entrerà nei libri di storia!!!!!”. Cazzata.  La notte del 15 Luglio 2016 è una delle tante e troppe notti che la storia ha affrontato e che in futuro affronterà: una di quelle notti che sembrano di routine, una notte come le altre. Ma ciò che fece impressione fu la vicinanza, la diretta […]

Continua a leggere

Shandon Anderson: all’inseguimento di un pallone

Chicago 1997. United Center. Un ragazzotto al primo anno da professionista sta giocando una partita troppo importante per la sua giovane età. Un attore di teatro al debutto nell’interpretazione di Otello. Il palcoscenico sono le finali NBA mentre Iago è interpretato da uno spietato Michael Jordan. Anderson è stato selezionato al secondo giro dai Jazz […]

Continua a leggere

Derek Fisher: padre, prima che giocatore

  Aprile 1978. Roma. Le parole hanno il potere di distruggere e di creare. Retinoblastoma. Una di quelle affermazioni che lascia poche speranze. Chi l’ascolta non può capire cosa significa perché ha 18 mesi di vita, non sa ancora quanto realmente possa cambiare la sua esistenza. Il retinoblastoma è un tumore maligno che attacca la […]

Continua a leggere

Derrick Rose: c’era una volta il West

Una vecchia stazione. Il cigolio di una porta. Il flebile bubbolare di un gufo in sottofondo. Il capostazione. Un vecchietto dall’aria canuta, con occhi grandi. Lo scricchiolio del pavimento in legno evidenzia i passi di tre cowboys. La macchina da presa indugia sugli occhi del vecchio capostazione. Il tempo ha lasciato sul viso i segni […]

Continua a leggere

Olimpiadi 1972: la storia riassunta in una partita di basket

1972. Piazza della Rotonda, Roma. “A’ Rotonna” come la chiamano i romani, fino al 1847 sede di uno dei famosi mercati ittici della capitale nonché punto di ritrovo per gran parte delle “bighe Romane” intente a scarrozzare i turisti lungo le vie della capitale. Questi ultimi invadono la piazza con fare rumoroso, una coppia, dalle chiare origini […]

Continua a leggere

Tutte le lacrime di Kevin Garnett

St.Louis Park, Minnesota. 20 maggio del 2000.   La nostra storia inizia con lacrime e sgomento. Un furgoncino non ha rispettato uno stop andandosi a schiantare contro un SUV causando la morte del conducente. In un storia che ha il sapore di un comunissimo “Davide contro Golia” il proprietario del piccolo furgoncino è uscito illeso dal gravissimo incidente. Come […]

Continua a leggere

Kawhi Leonard: autismo non è la parola giusta

Compton, California. 18 Gennaio 2008. Un bambino afroamericano corre a perdifiato verso un autolavaggio della città. Finalmente, dopo anni che le aveva sognate, il ragazzetto alto e magro ha le treccine. Straordinariamente affascinanti, indietro sulla testa fino alle spalle, caparbie, immuni da qualsiasi raffica di vento. Corre il bambino con le treccine perché vuole arrivare […]

Continua a leggere

Miha Zupan: il silenzio della retina

  Kranj, Slovenia. 4 Ottobre 1983 “Amore…. Amore…. Amore perché non mi rispondi? La domanda è quella di una mamma con le spalle al muro. Suo figlio sembra vivere con distacco tutto ciò che lo circonda. Anche l’aria che respira. Ha da poco compiuto un anno. “Signora, ho una brutta notizia: suo figlio Miha è completamente […]

Continua a leggere

Jimmy BUtler: per fare 10000 servono quattro zeri

In occasione del nostro articolo numero 10.000 (il primo risale al 24 aprile 2013), vi presentiamo un articolo, che ha come oggetto una particolare storia legata al Corriere della Sera e a uno dei protagonisti della scorsa stagione NBA, Jimmy Butler. Cogliamo anche l’occasione per ringraziarvi uno ad uno per seguirci ogni giorno e permettere la […]

Continua a leggere

Toni Kukoč: la leggenda dell’airone

Il primo airone della nostra storia sta volando in cielo. Il suo piumaggio è rovinato, sporco e impolverato per via della battaglia che ha appena combattuto. L’ennesima piuma lascia il corpo del bianco volatile . Il becco è rivolto alle nuvole, il battito d’ali è fiero. Dietro di sé una copiosa scia di sangue, dietro di sé […]

Continua a leggere

Rajon Rondo: il bello di essere sé stessi

New York 1886. “E’ uno scherzo vero? La colpa è stata mia che ti ho assunto. Avrei dovuto ascoltare Edison, non fidarmi di uno slavo da quattro soldi come te.” Questa frase fu pronunciata da uno dei finanziatori del progetto Electric Light & Manufacturing.  Il ricco esponente della cordata sponsorizzatrice del progetto è furibondo, convinto di […]

Continua a leggere

Larry Bird: il simbolo dell’onnipotenza

Chicago, 1988. “Testa o croce?” “Per me è indifferente” “Io voglio tirare per secondo perché quando vincerò sarà più bello che la gara finisca lì. Dopo il mio ultimo tiro” Chi pronuncia l’ultima frase è il protagonista della nostra storia. Non ha bisogno di presentazioni. Il giocatore bianco più forte di sempre. E’ impegnato in una conversazione […]

Continua a leggere

Marcus Smart: in morte del fratello Giovanni

Flower Mound, Texas. Maggio 2003. Un ragazzo siede su una panchina in uno dei tanti parchi nella contea di Denton. L’aria è calda, l’estate sembra essere arrivata presto quell’anno. Il ragazzo ha 33 anni e il suo nome è Tood. Doveva chiamarsi Ted, come il padre, ma prima che nascesse quest’ultimo ha lasciato la mamma da […]

Continua a leggere

Gilbert Arenas: padrone della propria fine

Yeveran, 1920. “Non andare via… ti prego” Serj e Venia si erano innamorati sei anni prima, a Yerevan.  Yerevan è una città costruita sulle tratte mercantili tra Europa e India, a lungo contesa da Persia e Impero Ottomano. Serj è il figlio di quel contenzioso. Ha un sogno, ma rischia di non poterlo mai realizzare. Le […]

Continua a leggere

Robert Horry: il coraggio di passare alla storia

Parigi 13 Luglio 1793. Due donne sull’uscio di una porta. “Mi faccia entrare, ho mandato due lettere senza avere risposta, ho dei segreti importantissimi da rivelare all’ Amico del Popolo” “Non credo proprio. Il signor M..” “Lasciala entrare. Se ha segreti importanti per questa Nazione è giusto che ne parli con me”, sentenziò una voce maschile dall’altra […]

Continua a leggere

Derek Fisher: il Cyrano di Bergerac

Grandi storie hanno bisogno di grandi palcoscenici. Siamo allo Staples Center, 20 Marzo 2010. Un allenamento è appena terminato quando Derek avvicina Kobe. “Amico, hai notato che grande partita ieri di Lamar?” “Certo”, risponde Il Mamba “ma ha semplicemente fatto il suo”. “Beh, io credo che abbia fatto di più, e sono convinto che tu debba complimentarti […]

Continua a leggere

Dražen Petrović: la solitudine di un’ossessione

Certe storie percorrono strade simili. Magari in momenti e contesti storici differenti. Ma si fondano su basi identiche. La difficoltà è insita nella ricerca del denominatore o denominatori comuni. Le vite straordinarie di Bobby Fischer e Dražen Petrović sono caratterizzate da tre di questi denominatori. Mozart, ossessione e solitudine. Se non avete mai sentito la Sinfonia n°25 di Mozart […]

Continua a leggere

Reggie Miller: la vita è come una scatola di cioccolatini

Riverside. 1971. Pedriatic Medical Group. “Mia mamma dice sempre che la vita è come una scatola di cioccolatini. Non sai mai quello che ti capita.” Reginald Miller ha 6 anni. Ma non è un bambino come gli altri. Ha un gravissimo problema alle ginocchia e alle caviglie. Dovrà portare dei sostegni che lo aiutino a camminare. Non potrà […]

Continua a leggere

Ginobili come Allende: la necessità di essere leader

Bologna. Un giornalista sta intervistando Emanuel Ginóbili, il talento argentino ha appena contribuito ad uno storico triplette con la Virtus Bologna: campionato, coppa ed Eurolega. Durante la finale della manifestazione europea ha letteralmente spezzato in due la partita realizzando 5 canestri di fila nel solo terzo quarto, girando la partita a favore della sua squadra. Ha […]

Continua a leggere

Kevin Durant e Michael Beasley: i figli della rondine

19 Marzo 1988. Washington. Un rondine si posa senza grazia sotto il cornicione di una casa in periferia. E’ in ritardo. Deve costruire il nido ed ha scelto proprio quello spazio tra il tetto e lo scolo dell’acqua. Porta pezzetti di legno facendo avanti e indietro con un albero che sorge di fronte a casa […]

Continua a leggere

Russell Westbrook e le promesse non mantenute

Ti prometto che giocheremo sempre insieme… Maggio 2003. Lawndale, California. Playground di quartiere, una moltitudine di ragazzi sono accorsi per assistere ad una partita. La giornata è torrida, umida, ma non importa. Sono le 14 del pomeriggio e molti di loro dovrebbero essere a scuola, ma non importa.  La partita in questione è un due […]

Continua a leggere

Ray Allen e Sigmund Freud: l’incoscienza del ritorno

Marzo 1900. Londra. Un ragazzotto alto e magro è seduto nella sala d’aspetto dello studio di un famoso psicologo. La segretaria che gli ha gentilmente chiesto di sedersi ed aspettare il suo turno lo guarda incuriosita, quasi spaventata. Il ragazzo è alto quasi due metri ed indossa un cappuccio che nasconde completamente gli occhi. Si […]

Continua a leggere