Il CONI riconsegna gli scudetti revocati alla Mens Sana Siena

Pubblicato il  

Outdoorblog

La Quarta Sezione del Collegio di Garanzia, presieduta dal cons. Dante D’Alessio, ha tenuto oggi la camera di consiglio preordinata alla decisione dei ricorsi discussi lo scorso 11 aprile.

All’esito della suddetta camera di consiglio, la Quarta Sezione ha annullato le decisioni di primo e di secondo grado afferenti ai ricorsi Finetti/FIP, Minucci/FIP, Serpi/FIP, Anselmi/FIP, Lazzeroni/FIP, Polisportiva Mens Sana Basket 1871/FIP e Mens Sana Basket 1871 a r.l. e, per l’effetto, ha rinviato gli atti al giudice di primo grado FIP (tribunale federale).

Ha poi disposto un incombente istruttorio, di cui si darà conto in motivazione, con riferimento al ricorso presentato, in data 27 febbraio u.s., da Leonardo Cima contro la Federazione Italiana Gioco Bridge (F.I.G.B.) avverso la sentenza della Corte Federale d’Appello della FIGB n. 12 dell’11 febbraio 2017 (pubblicata il 13 febbraio 2017), la quale, in parziale riforma della decisione del Tribunale Federale n. 3/2016, ha condannato il tesserato Leonardo Cima alla sanzione di mesi 9 di sospensione dalle attività federali, per l’asserita violazione dell’art. 15 dello Statuto Federale e degli artt. 2 e 3 del Codice di Comportamento Sportivo del CONI (lesione dei principi di lealtà e correttezza) e, in riforma della sentenza appellata di primo grado, ha invece assolto lo stesso Cima dalla incolpazione dell’altro illecito disciplinare ascrittogli, relativo alle minacce che avrebbe proferito ai danni di un altro tesserato.

Tale ultimo ricorso sarà discusso, una volta espletata l’attività istruttoria, in occasione della prima udienza stabilita dalla Quarta Sezione nel prossimo mese di giugno.

Fonte: CONI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.