Derrick Rose: “A New York sento più affetto che a Chicago”

Pubblicato il 0  

E’ un momento difficile per Derrick Rose, e a dire la verità è una situazione che si prolunga da qualche anno. I problemi però nell’ultimo periodo sono aumentati, tra il processo per stupro nel quale è imputato e la trade che questa estate lo ha portato da Chicago, casa sua, a New York, dove cercherà di mettersi alle spalle gli acciacchi fisici e rilanciarsi dopo stagioni di molti bassi e pochi alti.

La National Basketball Players Association ha pubblicato sul proprio sito un articolo riguardante Rose scritto da Jared Zwerling. Nel pezzo vengono riportate anche alcune dichiarazioni di Rose, che a proposito della nuova avventura nella Grande Mela si lascia andare a queste parole:

Appena sono arrivato a New York ho sentito molto affetto nei miei confronti. Lo sentivo un po’ anche a Chicago, ma non era a questo livello, questo mi rende ansioso di scendere in campo. Penso “Ehi, i tifosi sono esaltati dal fatto che io sia qui”. Non ho ancora preso in mano un pallone, non ho ancora fatto un canestro, e posso solo immaginare come reagiranno quando inizieremo a vincere.

Tutto questo testimonia la grande fiducia che ha Rose in questi Knicks, definiti dal playmaker il mese scorso come una delle squadre da battere nella prossima stagione. Piaceranno però ai tifosi dei Bulls, che lo hanno acclamato per anni mentre giocava per la “sua” Chicago?

Francesco Manzi

Milano native. Laureato in Scienze Politiche all’Università Statale di Milano, studente di Comunicazione per le Organizzazioni e le Imprese all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Tifoso degli Orlando Magic e dell’AC Milan, fondatore di BasketUniverso con una passione smodata per sport e musica rap.

  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta

Inizia la discussione!

wpDiscuz