I fratelli Vitali consumano la vendetta contro la “loro” Virtus: Brescia centra la settima vittoria al PalaDozza

Pubblicato il 0  

Virtus Segafredo Bologna – Germani Basket Brescia: 74-76

(16-22; 41-45; 61-52; 74-76)

Non accenna a fermarsi la corsa di Brescia, che espugna anche il PalaDozza e scrive “7” nella casella delle vittorie consecutive. Il momento magico degli uomini di coach Diana si arricchisce di un nuovo capitolo nella serata bolognese dove, grazie al canestro ad una manciata di secondi dalla sirena di Luca Vitali, la Germani espugna la casa bianconera. Soliti problemi invece per la truppa di coach Ramagli, entrata negli ultimi 11 minuti con una doppia cifra di margine che non è stata sufficiente per portare a casa i due punti. Per la terza domenica consecutiva nell’ultimo quarto le gambe smettono di girare e di conseguenza la palla, con le difficoltà fisiche accentuate dalla mancanza dell’epurato capitan Rosselli. Gli attacchi diventano lenti e prevedibili, con tantissimo tempo perso senza circolazione che costringe a isolamenti e scelte affrettate nei rimanenti , pochi, ultimi secondi delle azioni. Un copione già visto, che accentua sempre di più il punto interrogativo su che cosa possa realmente diventare questa squadra al completo, perchè nei primi 30′ il gioco espresso è stato veramente di alto livello. Brescia invece continua a vivere il suo sogno e si guadagna col sudore un’altra settimana dove può guardare tutti dall’alto.

Tornando alla partita, la tripla del neo-capitano bianconero Ndoja apre la contesa e la Virtus impone subito il proprio ritmo. Le difese sono attente e serve il talento di Aradori per dare la scossa portando al 16-12 dei padroni di casa. Brescia però non si scompone e dopo il timeout di coach Diana esce a meraviglia sotto la guida di Luca Vitali, e con i punti del fratello Michele trova lo 0-10 che porta al 10′ sul 16-22.

Nel secondo quarto il ritmo si alza, le squadre corrono in contropiede per cercare di scardinare le fin qui ottime difese schierate. Hunt recupera palloni dalla spazzatura e li converte in punti, mentre le due triple di Bushati portano la Leonessa al massimo vantaggio sul +9. Stefano Gentile è il vero leader tecnico del momento e con la sua regia riporta alla calma i bianconeri e costruisce per sè stesso e per i compagni: così quando Lafayette (giocando da guardia) trova due bombe consecutive, la Virtus rientra a contatto sul 39-43. Diana è attento e ferma subito l’inerzia col timeout, e con l’imposizione della zona in uscita dal minuto inceppa la Virtus. Così negli ultimi due minuti arrivano solo due punti per parte, tornando negli spogliatoi sul 41-45.

Archiviata la pausa lunga, la Segafredo aumenta l’intensità difensiva e oscura il canestro agli ospiti, trovando poi il vantaggio 15′ minuti effettivi dopo sul 46-45. Brescia non segna più e Bologna sfruttando anche due tecnici per flopping fischiati ai due fratelli Vitali allunga fino al 54-46. Servono 7 minuti a Brescia per sbloccarsi dal campo e tornare a segnare con continuità, ma la regia illuminata di Stefano Gentile risponde colpo su colpo portando le squadre all’ultimo timeout tecnico sul 61-52.

Nell’ultima frazione la Virtus comincia a rivedere le streghe delle partite passate, cominciando a sentire le gambe pesanti e andando in debito di ossigeno. Dall’altra parte si sveglia dal torpore dei primi tre quarti Marcus Landry, che trivella il canestro bianconero e polverizza in meno di 4′ la doppia cifra di vantaggio. Brescia rientra fino al -3 del 66-63 . Bologna ha buone cose solo da Stefano Gentile e Aradori e nuovamente Landry può firmare il sorpasso sul 69-70. La tripla di Lafayette segna l’ultimo vantaggio bianconero, perchè poi Michele Vitali firma il 72-73 che indirizza la partita. Nonostante i rimbalzi offensivi di Slaughter Bologna incappa nelle solite forzature e nei soliti isolamenti, non trovando di conseguenza il canestro per gli ultimi 3 minuti. Luca Vitali dalla lunetta grazia la Virtus facendo 1/2, e quindi l’ultima speranza della Virtus capita nelle mani di Slaughter che non sbaglia impattando a quota 74. La partita sembra orientata verso l’overtime, ma Luca Vitali non è dello stesso avviso e in meno di 4 secondi trova il canestro decisivo. I padroni di casa avrebbero anche la possibilità dell’ultima azione con 2” sul cronometro, ma dalla rimessa i bianconeri non riescono a costruire nulla e incappano nella sconfitta casalinga. Finisce 74-76 e per Brescia scatta la festa con tanto di maglietta celebrativa per la settima vittoria consecutiva.

Virtus Segafredo Bologna: Aradori 15, Lafayette 14, Ndoja 4, Umeh 6, Slaughter 6, Petrovic  n.e., S.Gentile 10, A.Gentile 13, Pajola n.e., Berti n.e., Lawson 6.

Germani Basket Brescia: Moore 0, Hunt 15, Vitali L. 9, Landry 16, Fall 2, Traini ne, Vitali M. 14, Sacchetti 10, Bushati 6, Moss 4.

  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta

Inizia la discussione!

wpDiscuz