L’esclusione dai quintetti All-NBA avvicina Hayward e George a Celtics e Lakers

Pubblicato il  

L’anno scorso l’esclusione dai tre quintetti All-NBA costò parecchi dollari ad Anthony Davis. Quest’anno non sono soldi effettivi che due illustri giocatori rimasti fuori dalla Top 15 avrebbero guadagnato a sfumare, ma il loro stesso futuro che potrebbe subire un impatto da questa esclusione.

L’estromissione di Gordon Hayward e Paul George dai tre migliori quintetti non permetterà a nessuno dei due di firmare un rinnovo al super-massimo salariale con le attuali franchigie (Designated Player Veteran Extension), Utah Jazz e Indiana Pacers. Se avessero raggiunto l’obiettivo, le regole salariali avrebbero permesso ai due un rinnovo a 207 milioni di dollari per cinque anni in estate, cosa che non sarà quindi possibile.

I potenziali soldi che Hayward e George hanno lasciato sul tavolo in queste ore saranno sicuramente un fattore quando le due stelle decideranno cosa fare del proprio futuro, rispettivamente nella free agency 2017 e 2018. Sul primo è ben noto l’interesse dei Boston Celtics, sul secondo quello dei Los Angeles Lakers, che secondo alcuni insiders sarebbero “molto fiduciosi” nel convincere l’attuale giocatore dei Pacers a trasferirsi in California tra due estati. Il divario, almeno economico, che poteva esserci tra le due attuali squadre dei giocatori e le possibili future due si è assottigliato.

Westbrook, Harden, Leonard e Curry hanno invece ottenuto questa possibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.