TROGYLOS PRIOLO: DA LUGLIO ADDIO ALLA SERIE-A

Home

TROGYLOS PRIOLO: DA LUGLIO ADDIO ALLA SERIE-A

Quest’estate a Luglio a nulla è servito l’appello dei tifosi e della società al Governatore della Regione Sicilia per cercare di salvare la storica squadra della Trogylos Priolo: purtroppo la squadra non parteciperà alla massima serie del campionato femminile.

La Dike Basket Napoli, forte di una rosa competitiva, prenderà il posto della società siciliana, attanagliata purtroppo dalla crisi da alcuni anni a questa parte.

La motivazione, risentendo voci di persone molto vicine alla Trogylos Priolo, è da ricercare all’interno di un processo burocratico non risolto legato a tempistiche imposte dalla stessa LBF, che va ad aggiungersi al mancato pagamento della fideiussione necessaria al completamento dell’iscrizione.

A nulla purtroppo sono serviti l’appoggio del presidente regionale Rosario Crocetta e i sostegni dell’ex presidente Paolo Giuliano e Domenico Cultrera, che avevano fatto recuperare le somme alla società di Priolo, che a sua volta sperava in un nuovo conteggio del denaro dovuto alla Lega. Il peso più grande, comunque, l’ha avuto il mancato pagamento di un assegno che la società aveva garantito, avvisando addirittura il presidente De Angelis.

Dopo ben 28 anni, così, il basket femminile perde uno dei suoi club storici, forte di due campionati italiani e una Eurolega, e a renderlo ufficiale è stato proprio il Settore Agonistico della FIP, accettando in data 9/7/2014 la rinuncia della società all’iscrizione alla stagione 2014/15.

Marco Astolfi

Impiegato di banca, mi aggrego a BasketUniverso nel Novembre 2013. Sono innamorato della palla a spicchi fin da ragazzino, quando tifavo gli Utah Jazz di Stockton e Malone; adesso ho un debole per Dirk Nowitzki, anche se prediligo maggiormente il basket giocato in Europa. Seguo con devozione l’Olimpia Milano e da Settembre 2014 gestisco personalmente la rubrica dedicata alla Lega Basket Femminile.
  •  
  •  
  •  
  •  

Commenta

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.