Caserta chiude in bellezza la stagione e vince contro Sassari. Per la Dinamo è quinto posto

Home Serie A Recap

PASTA REGGIA CASERTA – BANCO DI SARDEGNA SASSARI 77-70
(18-19; 19-23; 21-11; 19-17)

QUINTETTO

PCS: Gaddefors – Giuri – Putney – Diawara – Watt
BSS: Bell – D’Ercole – Lighty – Sacchetti – Lydeka

ASSENZE
Caserta a ranghi quasi completi, con il ritorno in roster di Bostic e la partenza per Bologna di Cinciarini; per Sassari torna tra i disponibili Savanovic, ancora out Lacey anche se ha ricominciato ad allenarsi in settimana.

STATO DI FORMA
Una gara che rappresenta poco per l’andamento dei padroni di casa, salvi da due settimane. Giusto un saluto ai propri tifosi in vista della pausa estiva. La Dinamo invece si gioca il fattore-campo ai playoffs, con un quarto posto che oscilla tra i biancoblù, Trento e Reggio Emilia. Chi vivrà vedrà.

LA GARA

La prima fiammata arriva dai bianconeri, che spinti dai propri tifosi volano subito sul +10. Il break di 9-0 è decisivo, con Watt, Diawara e Putney in grande spolvero. Gli ospiti incassano il colpo e rispondono con il controparziale di 2-8, rimettendosi a contatto con grande personalità. In un quarto apertissimo, le distanze rimangono legate a un solo possesso per parte; sono però i sardi a chiudere avanti, grazie alla tripla decisiva di Stipcevic proprio negli ultimi atti (18-19). Carter porta i suoi sul +4, Bostic sembra implacabile e, insieme a Diawara, ribalta la situazione. Caserta si trova avanti e Sassari vuole ricucire; tuttavia gli ospiti sbattono più volte contro i locali che, in pochi minuti, dirigono con 7 lunghezze di vantaggio. Nel potenziale momento migliore dei padroni di casa, sono comunque i biancoblù ad elevarsi grazie una pioggia di triple provenienti dalle mani di Stipcevic, Sacchetti e un ispirato Carter, che segna sulla sirena della metà (37-42).
L’altalena di emozioni continua nel terzo periodo. L’esplosività dei primi due quarti si rivede subito, con Bostic che riprende da solo il gap con il 5-0. Le squadre proseguono botta e risposta, con la Juve più propositiva offensivamente. Stipcevic prende in spalla i suoi, ma lo sforzo e i 9 punti (nonostante arrivi anche il vantaggio) non bastano. Watt, Putney e compagni infatti giocano bene, non perdono la calma e chiudono avanti al 30esimo, grazie alle due bombe di Giuri (58-53). Il momento è propizio per Caserta, che non vuole perdere il treno e subire una rimonta, specialità della casa dei sassaresi. Al canestro di Lighty rispondono bene gli uomini di Dell’Agnello, che spingono fino a portarsi al +10, firmato dall’ex della gara Johnson, costringendo Pasquini al timeout. Al ritorno in campo, la Dinamo subisce due triple da Bostic, ma non perde il senno e tenta ancora l’abbordaggio con D’Ercole dall’arco. Sul -10 gli ospiti ci credono ancora e costruiscono una super rimonta dai punti di Sacchetti, Stipcevic e Lawal, per il momentaneo -3. Diawara riprende i suoi, con il 2+1 che diventa determinante proprio nel finale, dove il Banco non trova i punti desiderati. Alla sirena Caserta può festeggiare l’ultima vittoria della stagione, al contrario di Sassari, che chiude una regular season dolce e amara con la testa a Trento, prossima sfidante ai playoffs (77-70).

SVOLTA DELLA PARTITA
Sicuramente l’inizio lampo di Caserta nella quarta frazione, con il +10 arrivato dopo pochi minuti. Sassari cerca di accorciare, si avvicina al -3, ma nulla più nel finale.

MIGLIORI IN CAMPO

Doppia doppia per il centro statunitense

PCS: 18 punti per entrambi, apporto differente ma incidenti quasi allo stesso modo. Bostic e Watt sono i migliori tra i bianconeri. Il primo segna con buone percentuali canestri importanti, nonostante le tre palle perse; il secondo invece cattura addirittura 13 rimbalzi, per una super doppia-doppia da 31 di valutazione.

BSS: Protagonista assoluto, a volte croce a volte delizia. Stipcevic è sicuramente un giocatore centrale in questa squadra, ma alle tante belle cose (20 punti con 6 assist, 3 palle recuperate e perfino 7 rimbalzi) c’è da dire anche 5 palle perse che pesano. Termina con 30 di valutazione in 36 minuti giocati. Menzione d’onore per Lawal (doppia-doppia da 12 punti e 11 rimbalzi) e Carter (con 4/7 dall’arco).

PEGGIORI IN CAMPO

PCS: Poco e nulla in 13 minuti per Gaddefors, che parte in quintetto ma non da l’apporto che vorrebbe. Conclude con 1 punto dalla lunetta, 0/2 al tiro e 4 falli fatti.

BSS: Se un ala americana fa bene, un’altra è sottotono rispetto al solito. Lighty è incolore a Caserta. Pochi punti (solo 4) nonostante 2/7 al tiro, due palle perse e poco più in 26 minuti. Si rifarà contro la sua ex squadra?

TABELLINI

Pasta Reggia Caserta: Cefarelli 0, Bostic 18, Putney 10, Watt 18, Diawara 14, Berisha 4, Gaddefors 1, Johnson III 4, Giuri 8, Riccio n.e, Ventrone n.e, Iavazzi n.e

Banco di Sardegna Sassari: Bell, Devecchi, D’Ercole, Sacchetti, Lydeka, Savanovic, Stipcevic, Carter, Lawal, Lighty, Monaldi n.e, Ebeling n.e

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.