Buona la prima tra le mura amiche per Jesi che sgambetta Verona

Home Serie A2 Recap

TERMOFORGIA JESI – TEZENIS VERONA 96 -86

(25-26; 16-24; 28-12; 27-24)

Tra le mura amiche dell’UBI Banca Sport Center la Termoforgia Jesi trova la prima vittoria stagionale contro un avversario di rilievo come la Tezenis Verona. Partita tutto sommato equilibrata, che si decide nell’ultimo quarto grazie alle giocate di Brown (doppia doppia da 30 punti e 13 assist) e Hasbrouck (26 punti). A Verona, invece, non bastano i 30 punti di Greene e i 20 di Udom.

Ken Brown, autore di 30 punti e 13 assist, trascina Jesi alla vittoria su Verona (octagonbe.com)

Palermo e Marini vanno per primi a segno, impattando subito la gara sul 3-3. Poi la gara si stabilizza su un continuo botta e risposta tra Jesi e Verona, in cui i più attivi sono Hasbrouck e Brown da una parte e Greene e Maganza dall’altra. La Termoforgia prova in più occasioni ad aumentare il distacco, anche a +4, ma la Tezenis resta sempre appaiata, tanto che nel finale del periodo riesce a passare in vantaggio con Amato. Così il primo quarto termina 25-26. Jesi subisce anche il +6 in avvio di secondo periodo, con Greene sugli scudi per i veneti. Poi però è la Tezenis a subire la rimonta dei padroni di casa, che si affidano al duo Brown-Hasbrouck per pareggiare la gara. Verona però prende il largo a poco a poco e sempre con Greene e Maganza riesce ad allungare fino al +7. Hasbrouck e Marini non bastano a Jesi e il primo tempo termina con i veronesi in vantaggio, punteggio sul 41-50.

Prima partita stagionale e prima sconfitta per la Tezenis di Dalmonte.

Al rientro in campo Ihedioha segna subito per Jesi, ma Verona conduce ancora grazie a Jones. Poi Rinaldi porta a tre lunghezze di distacco la Termoforgia, che però subisce nuovamente il +6 ancora per mano di Jones. Hasbrouck non ci sta e in un battito di ciglia pareggia la gara (57 pari), ma Greene continua a stupire e la Tezenis torna a condurre. Jesi resta attaccata, tanto che alla fine del quarto Jesi riesce a riportarsi avanti grazie a Brown, arrivando fino al +7. Nell’ultimo quarto ancora Jones tiene a galla la Tezenis, ma Rinaldi e compagni riescono a mantenere il vantaggio. Verona poi passa avanti con Greene e Palermo, ma Hasbrouck e Piccoli riescono a riportare a +6 i padroni di casa. Greene non molla fino al termine, ma nel finale la Termoforgia dilaga con Brown e Marini portando così a casa la vittoria. Finisce 96-86.

Termoforgia Jesi: Piccoli 3, Rinaldi 9, Ihedioha 9, Hasbrouck 26, Brown 30, Montanari ne, Massone 0, Melderis ne, Valentini ne, Marini 14, Quarisa 5, Kouyate ne

Coach Cagnazzo

Tezenis Verona: Greene 30, Udom 20, Ikangi 2, Visconti 0, Palermo 10, Guglielmi ne, Oboe ne, Maganza 6, Nwohuocha 2, Amato 4, Jones 12, Pierich 0

Coach Dalmonte

  •  
  •  
  •  

1 thought on “Buona la prima tra le mura amiche per Jesi che sgambetta Verona

  1. Entrambe le squadre non sono nulla di speciale e lo dico a malincuore da veronese. Jesi ha due ottimi americani ma italiani mediocri, Verona ha un gruppo giovane e scattante ma con poca esperienza. Primi due quarti giocati con un’intensità agonistica sopra le righe, poi la Scaligera ha mollato in massa e a questo punto credo che “la maledizione del terzo o quarto quarto” sia una specie di caratteristica delle squadre di Dalmonte, perché l’anno scorso Verona smetteva di giocare esattamente com’è successo oggi. Si sono rivisti giocatori che hanno cominciato a rifiutare tiri e ingenuità davvero incredibili. Perdere per 96 punti per una squadra che ha dichiarato di puntare alla serie A in 2 anni (a dire il vero ne parlano da 10, ma lasciamo perdere) è intollerabile. Per la Scaligera tagliafuori fatti in modo approssimativo, numerose amnesie difensive e tanti dubbi su Jones; Palermo anche se non ha giocato male non mi è piaciuto: troppo confusionaria la sua impostazione di gioco.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.