Kobe Bryant: “Belinelli non mi stupisce, Houston e Golden State si giocano il titolo”

Home NBA News

 

Kobe Bryant è pronto a tuffarsi in una nuova avventura con la trasmissione “Detail”, su ESPN, in cui analizzerà le partite dei play-off ormai alle porte. L’ex stella dei Los Angeles Lakers ha parlato di questo ma anche dell’Oscar, dei play-off e di Marco Belinelli, pedina fondamentale dei sorprendenti Philadelphia 76ers.

Presentando lo show “Detail”, Kobe ha dichiarato: «Non saranno presenti interviste o cose simili: il mio obiettivo è che il pubblico veda “Detail” con lo stesso approccio che si ha davanti a un film». Prima di arrivare all’ideazione di questa nuova trasmissione, il Black Mamba è passato da un traguardo prestigioso: l’Oscar vinto grazie al cortometraggio “Dear Basketball”: «Ho messo l’Oscar accanto all’Emmy, in casa mia. Ogni mattina, prima di andare a lavorare, li guardo entrambi. Così come da giocatore cercavo di imparare dai veterani, ora mi confronto con chi è nell’industria da più tempo di me».

Passando alle questioni di campo, Kobe ha pronosticato una corsa a due per il titolo NBA: quella tra Houston e Golden State: «Molto dipenderà dallo stato di salute di Golden State. Houston si è messa in testa alla Western Conference grazie alla profondità del suo roster, alla versatilità, all’aggressività e alla grande velocità». Per quanto riguarda la Eastern Conference, «sono incuriosito da quello che può fare Toronto. Per Boston, l’infortunio di Irving farà la differenza. Poi ovviamente c’è Cleveland». Infine, Bryant ha speso parole di stima nei cofronti di Marco Belinelli: «Non mi stupisce affatto. Marco ha tutte le qualità, è un pensatore del gioco, sa come muoversi lontano dalla palla e come sfruttare i blocchi. Era quello di cui Philadelphia aveva bisogno. Non mi sorprende la rapidità con cui Marco è entrato nei meccanismi dei Sixers».

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.