virtus bologna

3 motivi per cui la Virtus Bologna potrebbe vincere la Supercoppa Italiana

Home Serie A News

Chi sia la favorita in una competizione di tre giorni, con partite secche, è molto difficile da dire, soprattutto dopo pochissime settimane dall’inizio della stagione, nonostante qualche indicazione ci sia già stata, senza considerare i tantissimi mesi di inattività.

Ma questa Final Four di Supercoppa si deve giocare e una deve vincere. Ecco perché potrebbe portare a casa questo trofeo la Segafredo Virtus Bologna, che non vince in Italia dal 2002 e ha vinto una sola Supercoppa Italiana, nel lontanissimo 1995.

1. La difesa di Sasha Djordjevic e la continuità di roster:

La Virtus si presenta a questa Supercoppa come miglior difesa e questo è già un ottimo punto di partenza, vista l’impostazione tecnica e tattica che ha la squadra di Sasha Djordjevic. Giocherà contro il secondo miglior attacco, quello di Sassari, in semifinale, venerdì alle 20.45. La Dinamo è stata una delle due squadre che nella scorsa stagione è stata in grado di battere la Segafredo, anche se i sardi sono totalmente diversi: del quintetto titolare sono rimasti solo Marco Spissu e Miro Bilan, ma in panchina c’è sempre Gianmarco Pozzecco.
Continuità è, sicuramente, un’altra motivazione che potrebbe dare un plus alla Virtus in questa F4: continuità dallo scorso anno, con pochi nuovi innesti, ma mirati, e un’idea di gioco ben chiara, sia per mentalità che per dettami tecnici. Una continuità e “abitudine” che potrebbero dare ai bianconeri quel qualcosa in più anche in quei momenti dove, con pochi allenamenti nelle gambe, il gioco potrebbe lasciar a desiderare.

2. L’amaro in bocca del campionato 2019-2020

La Serie A Lega Basket 2019-2020 è stata dominata dalla Virtus, la quale ha perso soltanto due gare in tutta la regular season: a Sassari, come detto prima, e a Cremona, contro un mostruoso Ethan Happ e coach Meo Sacchetti, entrambi a Bologna quest’anno, però sponda Fortitudo. Poi però è arrivato lo stop definitivo a causa della pandemia di Coronavirus, che ha lasciato ovviamente l’amaro in bocca ai bianconeri: questa potrebbe essere la prima motivazione per vincere la Supercoppa. Le VuNere, dopo aver portato a casa tanti successi lo scorso anno, vorrebbero alzare finalmente un trofeo in Italia, che manca da tanti anni, troppi, come detto in precedenza.

3. La classe e il talento di Milos Teodosic

L’effetto Teodosic, infine, rappresenta l’asso nella manica di Sale Djordjevic: il playmaker serbo non è sicuramente ancora nelle migliori condizioni possibili ma in partita secca rappresenta un dettaglio non da poco. L’abbiamo visto anche nel girone: quando l’ex Los Angeles Clippers e CSKA Mosca si accende, non ce n’è per nessuno.

Tre “quid” che, almeno sulla carta, potrebbero far pendere l’asticella dal lato bianconero, in un weekend tra le più grandi del nostro campionato.

Immagine in evidenza: Virtus Bologna

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.