5 ipotesi di trade per Bradley Beal

Home NBA Rubriche Trade Machine

L’inizio di stagione degli Washington Wizards, desiderosi di vedere sul campo come si sarebbe inserito Russell Westbrook, è stato ampiamente deludente. La recente vittoria in rimonta contro i Brooklyn Nets non cancella il record di 4 vittorie e 12 sconfitte, il peggiore dell’intera Lega. All’interno di questo burrascoso contesto si sono manifestati i malumori, non proprio velati e tanto meno celati, di Bradley Beal.

La terza scelta assoluta al Draft del 2012, in procinto di iniziare nell’estate del 2021 l’estensione contrattuale di due anni (con player option nel secondo anno e quindi possibilità di uscita e di entrare in free agency) al massimo salariale di 72 milioni di dollari firmata poco più di un anno fa, sta viaggiando alle incredibili cifre di 35.0 punti, 4.9 rimbalzi e 4.7 assist di media tirando con il 48.5% dal campo e quasi l’88% ai liberi.

Nonostante le smentite di coach Brooks e dello stesso Beal, l’atteggiamento del prodotto dei Florida Gators nelle ultime partite, come nel video di cui sopra, è stato sospetto e lo sguardo frustrato visto nelle ultime partite lasciano  pensare che le possibilità di concretizzare una trade entro la deadline del 25 marzo siano alte.

Abbiamo provato a ipotizzare 5 possibili scambi con le squadre potenzialmente più interessate alla star di Washington

Philadelphia 76ers

PHI riceve: Bradley Beal

WAS riceve: Ben Simmons, Matisse Thybulle, prima scelta del 2021, prima scelta del 2023 (protetta).

Dopo aver fallito l’assalto a James Harden, Beal potrebbe essere il prossimo obiettivo di Philadelphia. Per la guardia originaria di St. Louis si tratterebbe forse dell’opzione migliore, dal momento che si troverebbe a giocare con un roster già competitivo, tra i migliori della Lega e al momento favorito a vincere la Eastern Conference. Chiaramente per chi tratta con i Sixers non si comincia nemmeno a parlare se nel discorso non c’è Ben Simmons, data l’inamovibilità di Embiid. Il fit con Russell Westbrook sarebbe tutto da costruire, ma è l’unica opzione per dare credito alla trade, anche nell’ottica di migliorare l’atroce difesa di Washington. Oltre all’australiano un nome interessante sarebbe Thybulle, difensore con ottimo potenziale e con l’età dalla sua. Infine Phila dovrebbe mettere sul piatto della bilancia almeno un paio di scelte, tra cui quella del prossimo Draft che si preannuncia molto profondo.

Miami Heat

PHI riceve: Bradley Beal, Troy Brown Jr.

WAS riceve: Tyler Herro, Duncan Robinson, Kelly Olynyk, Kedrick Nunn.

La Miami di inizio stagione sembra essere lontano parente di quella che è arrivata a due vittorie dal titolo l’anno scorso. Per continuare a essere competitivi Bradley Beal assicurerebbe agli Heat un futuro roseo insieme a Butler ed Adebayo. In più nello scenario proposto non perderebbe nemmeno una scelta ma il solo Troy Brown Jr., ma in cambio sarebbe certamente costretta a cedere sia Herro che Robinson, due tra i giovani più interessanti della Lega che in più hanno già maturato notevole esperienza nella passata stagione e che possono spaziare il campo, fattore che agli Wizards serve come il pane. Kelly Olynyk bilancerebbe la trade a livello salariale e in più Washington avrebbe un giocatore di immediato impatto con in più un contratto in scadenza, infine Kendrick Nunn sarebbe il tassello finale e arriverebbe in una squadra in cui avrebbe più minuti rispetto a Miami.

Denver Nuggets

DEN riceve: Bradley Beal.

WAS riceve: Michael Porter Jr., Gary Harris, Bol Bol, prima scelta del 2021.

Con Jokic serissimo canditato al premio di MVP e Jamal Murray ormai al livello consolidato di All Star, cosa manca a Denver per compiere lo step finale e passare dall’essere una contender a essere la favorita nell’agguerrita Western Conference? Bradley Beal potrebbe essere il terzo membro di un gruppo di Big Three di livello assoluto che può provare a superare quei Lakers che gli hanno sconfitti nelle ultime finali di conference. In cambio però il nome di Michael Porter Jr., martoriato dagli infortuni ma talento cristallino e giocatore con più potenziale nel roster dei Nuggets, va sicuramente incluso insieme a un buon role player che apre il campo come Gary Harris e a Bol Bol, ancora grezzo ma che con spazio e minuti potrebbe ritagliarsi un ruolo a Washington. Per chiudere una scelta in un draft profondo come il prossimo.

Golden State Warriors

GSW riceve: Bradley Beal, Robin Lopez.

WAS riceve: Andrew Wiggins, James Wiseman, Damion Lee, prima scelta 2021 di Minnesota (protetta 1-3).

L’infortunio di Klay Thompson ha rovinato i piani di Golden State che si aspettava di tornare ai vertici dell’Ovest e dare ai Lakers un’ulteriore avversaria per il raggiungimento delle Finals. Il record è comunque positivo visto lo strapotere di Curry ma l’assenza di un altro attaccante prolifico si fa sentire. Beal sarebbe quella superstar che, in grado di giocare sia con la palla in mano che off the ball, riporterebbe gli Warriors a formare un nuovo superteam in attesa del ritorno di Thompson. Per questioni contrattuali e di impatto immediato, Andrew Wiggins è la parte principale da scambiare ma in aggiunta Golden State dovrebbe quasi certamente privarsi di James Wiseman, seconda scelta assoluta all’ultimo draft, più la golosissima scelta di Minnesota al prossimo draft, protetta top-3 ma di sicuro valore. Infine Damion Lee per bilanciare a livello salariale la trade.

New Orleans Pelicans/Boston Celtics

NOP riceve: Bradley Beal, Troy Brown Jr.

WAS riceve: Lonzo Ball, Nicolò Melli, Romeo Langford, Grant Williams, prima scelta 2021 NOP, prima scelta 2023 NOP, prima scelta 2025 NOP (protetta), seconda scelta 2025 BOS (via Memphis).

BOS riceve: JJ Redick (trade exception).

Chiudiamo con una blockbuster trade che coinvolgerebbe i Pelicans e i Boston Celtics. Quest’ultimo sarebbero certamente interessati ad acquisire Bradley Beal che formerebbe insieme all’amico di infanzia Jayson Tatum e Jaylen Brown un trio devastante, ma senza inserire Brown in una trade difficilmente le altre squadre si metteranno al tavolo con Danny Ainge e i Celtics sembrano intenzionati a puntare tutto il loro prossimo futuro sulle loro superstar. Ci sarebbe la possibilità di coinvolgere Kemba Walker ma il suo contratto da circa 35 milioni a stagione rende complicato qualunque movimento. Quindi l’ultima destinazione possibile per Beal sembrano i Pelicans, desiderosi di cambiare le sorti dell’ennesima stagione iniziata al di sotto delle aspettative e attratti dal potenziale che potrebbero avere in mano con Ingram, Williamson e lo stesso Beal. Lonzo Ball è il nome che circola per ogni trade con protagonista New Orleans, i nomi di Brown Jr., del nostro Melli e di due giovani di Boston quali Williams e Langford andrebbero a bilanciare la trade che vedrebbe la presenza dei Celtics per l’acquisizione di JJ Redick, obiettivo di coach Stevens alla ricerca di un tiratore veterano, con l’utilizzo di una delle trade exception maturate in preseason. In aggiunta per Washington un bel nucleo di scelte per programmare il proprio futuro.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.