Il Khimki vince in scioltezza contro lo Zalgiris e mantiene il primo posto in classifica

Coppe Europee Eurolega

Khimki Moscow Region – Zalgiris Kaunas 111-80

(25-18; 27-20; 25-23; 24-19)

khimki-primer-rival-del-real-madrid-mas-que-un-equipo-con-mucho-dinero

Altra bella vittoria del Khimki Mosca sullo Zalgiris Kaunas, orfano di Mantas Kalnietis sbarcato a Milano, che continua nella propria marcia solitaria al primo posto in classifica in Top 16. Per quanto riguarda i lituani invece la situazione si fa critica e ormai la qualificazione è quasi compromessa.
L’inizio di partita è abbastanza equilibrato e sarà così fino al settimo minuto di gioco quando i russi decidono di schiacciare il piede sull’acceleratore, chiudendo la prima frazione di gioco con un 9 a 2 di parziale negli ultimi tre minuti, per un totale di 25 a 18 Khimki.
Il secondo quarto è molto più equilibrato di quanto si possa credere perché i lituani tornano ad avere anche meno di due possessi di svantaggio ma l’infinito roster russo si fa sentire nei minuti finali del primo tempo e riescono ad andare all’intervallo lungo in vantaggio 52 a 38, anche grazie al buzzer beater finale del finlandese Petteri Koponen. A questo punto del match pare praticamente impossibile per lo Zalgiris sbancare la Krylatskoye Sports Palace.
Al ritorno dagli spogliatoi la musica non cambia: il Khimki domina il match senza troppi problemi e, sinceramente, senza nemmeno troppa fatica. Al trentesimo minuto il tabellone luminoso dell’arena russa segna il +16 per il Khimki, 77 a 61. Nella macchina perfetta Khimki, l’unico neo sono proprio quei 61 punti subiti in trenta minuti, ma chiaramente è un piccolissimo incidente di percorso, anche perché comunque i russi hanno una facilità disarmante a segnare e i 77 punti parlano per loro.
Il quarto quarto è puro garbage time e il Khimki prende il largo battendo lo Zalgiris Kaunas per 111 a 80, rimando così prima in classifica da sola.

Khimki: Rice 20, Shved 13, Koponen 12.

Zalgiris: Seibutis 15, Vougioukas 14, Ulanovas 12.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.