Downs:”Crediamo ai playoff.Accettata subito l’offerta di Caserta”

Home Serie A News

La guardia/ala della Pasta Reggia Caserta Micah Downs, tra i protagonisti domenica scorsa della vittoria ai danni della Virtus Bologna, è stato ospite a Garbage Time, la trasmissione ufficiale della JuveCaserta in onda su TelePrima ogni mercoledi sera alle ore 21. Downs traccia un bilancio della sua avventura all’ombra della Reggia partendo dalla gara contro la Obiettivo Lavoro: “La partita contro Bologna era difficile perchè loro hanno alcuni giocatori piuttosto validi. La mia partita è stata buona non solo per i punti messi a referto ma anche per rimbalzi e assist oltre alla stoppata decisiva per la vittoria. Giocare con Siva è bello, lui sa far girare palla, dà spettacolo, con downs casertalui in campo la squadra rende meglio.”  Obiettivo playoff raggiungibile? “Noi ai playoff ci crediamo, perchè la squadra ha dimostrato di giocare ad alti livelli. Occorre passarci la palla e difendere come noi sappiamo.” Il numero 1 bianconero ha anche parlato della grana infortuni, provando a trovare l’aspetto positivo di essi: “Gli infortuni devono motivare e a noi ci hanno motivato molto: quando vengono a mancare dei giocatori, le responsabilità di ciascuno di noi aumentano e noi che siamo professionisti ci siamo sempre fatti trovare pronti. Io fui il primo ad infortunarmi il primo giorno di allenamento, ma grazie allo staff che mi ha aiutato tantissimo ora sto bene e mi sento in forma.” La decisione di venire a giocare a Caserta e il calore del pubblico del Palamaggiò: “Quando ho avuto l’offerta di Caserta ho accettato subito perchè volevo restare fortemente in Europa dopo le esperienze in Spagna e Russia. Fin dal primo giorno in cui sono arrivato Ghiacci mi ha istruito sui tifosi dicendo che erano i migliori. Ed io mi sono reso subito conto che sono i migliori in assoluto!”  Sulla partita più bella da ricordare Downs non ha alcun dubbio: “E’ stata quella di Avellino. Sembrava persa ed invece abbiamo rimontato da -21 e l’abbiamo portata a casa. Col coach ho un grandissimo rapporto, lui ci è molto vicino, vorrebbe insegnarci sempre qualcosa di nuovo ogni giorno e poi – conclude Downs – è anche un’ottima persona fuori dal campo.”

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.