F8 – Le parole di Marco Calvani e Cesare Pancotto nel post-partita

Serie A News

alexander calvani sassari

Clamorosa vittoria della Vanoli Cremona sulla Dinamo Sassari nel secondo quarto di finale delle Final Eight di Coppa Italia, gli uomini di Cesare Pancotto hanno ripreso una partita che sembrava persa a pochi possessi dalla sirena dell’ultimo quarto, mandandola al supplementare con un’inaspettata tripla di Cazzolato in transizione. In sala stampa, il coach degli sconfitti, Marco Calvani, ha parlato del match e della scelta di Alexander di non fare fallo sull’azione della tripla del pareggio, quando la Dinamo era a +3.

Abbiamo compromesso la partita nel secondo quarto, quando abbiamo segnato solo 6 punti. Poi abbiamo fatto recuperare i nostri avversari negli ultimi minuti, Cremona è stata capace di segnare 20 minuti in quattro minuti e mezzo. McGee, fino ad allora fuori dalla partita, ha segnato una tripla da otto metri, ma sicuramente dovevamo fare fallo su Cazzolato. Abbiamo peccato di superficialità, un paio di volte abbiamo anche perso palla sulla rimessa. Cremona è stata brava, lo aveva dimostrato già una settimana fa in casa.

Alexander non ha dato nessuna spiegazione per non aver fatto fallo, che rientra in ciò che è Alexander. D’altronde, se fosse quel tipo di giocatore non sarebbe qui a giocare in Italia.

Ogni volta che pensiamo di aver superato il guado ci siamo ritrovati a ripensare a ciò che ci tormentava prima. Questa società viene da due anni in cui ha vinto molto, quindi è logico che ci sia molta delusione. Prima del lavoro psicologico dobbiamo fare lavoro in palestra, e poi dobbiamo toglierci un po’ di giustificazioni e alibi, scaricando le colpe su qualcun altro. Ci dovrebbe essere una presa di coscienza, bisognerebbe guardare più a se stessi invece che agli altri, siano essi giocatori, staff o altro.

Logan zero punti nell’overtime? Magari ci sarebbe bisogno che anche gli altri facessero canestro…

 

Poi è stato il turno di Pancotto, raggiante per il carattere dimostrato dai suoi nella rimonta.

Aldilà delle statistiche, che hanno un significato relativo, è stata importante la fiducia e la capacità di prendere le martellate che Sassari ci ha dato e di resistere. Abbiamo trovato ritmo e abbiamo allargato il campo, ma fondamentale è stata la fiducia e la certezza che ce l’avremmo fatta. Questa è una squadra che ha protagonisti alternati e oggi si sono resi protagonisti di un’impresa. Non cambia comunque il nostro modo di essere e ciò che cercheremo di mettere in campo già dalla partita di domani.

Più questi ragazzi lavorano, più si identificano nel ruolo, più riescono ad essere protagonisti. Non ci fermiamo mai all’errore, vogliamo sempre migliorare e questo è stato uno stimolo molto importante per questa squadra.

Cusin? Ha chiesto il cambio per un po’ di acciacchi e stanchezza, ma Biligha che l’ha sostituito ha fatto comunque un gran lavoro. Luca Vitali non giocherà nemmeno domani mentre Cusin verrà recuperato.

Nell’ultima azione il piano era far ricevere Turner o McGee, non riuscendoci Cazzolato ha fatto quel che deve fare un giocatore in queste situazioni. Ha preso palla e a quel punto bisogna fidarsi e sperare che le cose succedano.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.