Atene corsara ad Istanbul: vittoria al fotofinish per Diamantidis e compagni.

Coppe Europee Eurolega

Darussafaka Dogus Istanbul – Panathinaikos Atene 84-86

(30-22; 42-40; 63-65)

Istanbul ospita il Pana per la dodicesima uscita delle Top16. I turchi, quinti nel gruppo E con un record di 5-6, cercano un’importante vittoria per riaprire il discorso qualificazione.

Partenza brillante dei padroni di casa, che si fanno protagonisti di un primo quarto nel quale non sbagliano sostanzialmente nulla. Lo 0-2 iniziale firmato da Gist è l’unico risultato che vede sotto Istanbul, subito in vantaggio grazie al 9-2 di parziale propiziato da Reggie Redding e in controllo totale durante l’arco della prima frazione. Gist e Raduljica si fanno carico delle responsabilità offensive degli ospiti, ma una volta tornati sul -2 (12-10) i greci incassano un altro parziale di 7-2 per il 19-12. Un Erden in forma strepitosa  porta i suoi sulla doppia cifra di vantaggio (25-15), e con il 16esimo punto personale nel primo quarto fissa il risultato sul 30-19, prima della tripla di Diamantidis che archivia i primi 10′ sul 30-22.

Inizio decisamente spento quello del secondo quarto, con le due squadre incapaci di sporcare il tabellino per quasi due minuti e mezzo prima del canestro di Preldzic per il 33-22, propedeutico al massimo vantaggio raggiunto poco dopo con il canestro di Slaughter per il 35-22. Mini-parziale di 5-0 degli ospiti sull’asse Radulica-Calathes, che tornano ad 8 lunghezze di distanza con i successivi 4 punti di Feldeine. La tripla di Wilbekin restituisce la doppia cifra di vantaggio ai padroni di casa sul 40-29, e poco dopo è ancora Wilbekin a sporcare la retina per il nuovo +13 di Istanbul. Arrivati sul 42-29 però, ragazzi di coach Mahmuti sembrano perdere improvvisamente il piglio sulla partita: negli ultimi 2 minuti i padroni di casa subiscono la sfuriata del Pana, che con i canestri di Radulica, Haynes e Diamantidis chiude il primo tempo sul -2 grazie ad un parziale di 11-0.

Jamon Gordon riapre le danze con il canestro del +4 che sembrerebbe restituire un minimo di ossigeno ai suoi, ma il contro-parziale di 6-0 propiziato da Williams restituisce il vantaggio agli ospiti sul 46-44. Botta e risposta tra le due squadre, che si alternano al vantaggio per il resto del periodo. Markoishvili prova a lanciare l’allungo dei suoi con 5 punti in fila, ma il gap è presto ricucito grazie ai canestri di Feldiene, Diamantidis e Hunter (60-59). La tripla di Fotsis impatta il risultato sul 62-62, e dopo il libero di Slaughter il canestro da tre punti di Feldeine con 1 secondo da giocare consente al Pana di chiudere in vantaggio la terza frazione: 63-65.

Ancora un brutto inizio di quarto per gli ospiti, che entrati nell’ultima frazione impiegano ben 3 minuti per trovare la prima firmatura; Istanbul dal canto suo non riesce ad approfittarne e segna solamente 4 punti con Markoishvili e Bjelica per il 67-65. I padroni di casa sembrano comunque in grado di contenere i greci, visibilmente provati e disorganizzati in attacco. Il canestro di Preldzic vale il 75-70, ma il Pana riesce finalmente a trovare la via del canestro e la parità con un parziale di 5-0; Williams porta gli ospiti in vantaggio, Raduljica allunga fino al +4 (77-81), ma Wilbekin e Jamon Gordon rispondono al fuoco con un contro-break di 7-0 per l’84-81 con 43 secondi da giocare. Williams impatta a quota 84 con la tripla del suo diciassettesimo punto personale, e dopo l’errore di Wilbekin è ancora il giocatore del Pana a guadagnarsi il fallo e a trasformare i due liberi per il +2. Con due secondi rimasti sul cronometro, Wilbekin sbaglia la tripla e consegna la vittoria agli ospiti: 84-86.

Tabellini:

Darussafaka Dogus Istanbul: Erden 18, Wilbekin 13, Markoishvili 12, Preldzic 11, Gordon 9, Bjelica 6, Redding 6, Slaughter 3, Harangody 3, Yagmur 3.

Panathinaikos Atene: Raduljica 21, Williams 19, Feldeine 12, Gist 10, Diamantidis 8, Hunter 7, Haynes 5, Fotsis 3, Calathes 1.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.