Gentile sulla sirena fa impazzire l’Olimpia. Trento cade ma a testa altissima

Home Serie A News Recap

AQUILA TRENTO – OLIMPIA MILANO 61-62

(24-19; 13-13; 9-14; 15-16)

Al Palatrento si disputa gara3 tra i padroni di casa dell’Aquila e l’Olimpia Milano, che conduce 2-0 nella serie. Coach Buscaglia ritrova Poeta a pieno regime, mentre Repesa per il turnover decide di lasciare fuori Rakim Sanders.

Batista-Pascolo aprono le marcature, ma Trento allunga subito sul 7-2 con Lockett e la bomba di Forray. Simon risponde dall’angolo, ma Trento non sbaglia un attacco e con Wright vola sul +6. Milano però è tutta Simon che con due giocate favolose riavvicina i suoi sul 10-11, prima che però il solito Pascolo appoggi il +3 Image00030interno. Un gioco da 3 punti di Gentile da il 13-15, ma Poeta sulla sirena dei 24” trova la grande bomba del nuovo +5. L’Olimpia fallisce un paio di attacchi e Trento vola sul 20-13. Milano esce bene dal timeout e ritorna a meno 5 con Macvan, alza la difesa e Simon dalla lunetta sigla il 19-22. Poeta sulla sirena si inventa un canestro pazzesco e il periodo si chiude 24-19 per Trento.

Il quarto comincia col lay-up di Gentile, Milano effettua due difese perfette e ancora Gentile in contropiede appoggia il 23-24 che obbliga Buscaglia al minuto. Poeta prende un tecnico per flopping, ma Gentile non concretizza il libero a disposizione e sull’azione Milano perde palla. Trento continua a non segnare, e Jenkins in contropiede appoggia il primo vantaggio biancorosso. Dopo 4 minuti Sutton trova il fondo della retina per il nuovo +1, gli attacchi sono poco fluidi e si segna col contagocce. Batista dalla lunetta impatta a quota 27, Wright lo imita poco dopo ma Simon in contropiede piazza la bomba del 30-29 che obbliga nuovamente Trento a fermare il gioco. Lockett prima e una gran schiacciata di Wright dopo danno il nuovo +3 all’Aquila. Gentile sfonda, e Forray mette la bomba del 36-30 che fa esplodere il palazzo. Jenkins sulla sirena trova un grandissimo canestro che chiude il periodo sul 37-32 in favore di Trento.

Simon apre le danze con un gran canestro dalla media, Milano difende ottimamente, e poi Kalnietis appoggia il meno 1. Le squadre però commettono molti errori in fase offensiva, prima che Batista in contropiede schiacci il 38-37 Olimpia. Simon fa qualcosa di pazzesco per il +3, ma dopo 5 minuti Lockett in contropiede da solo segna i primi punti trentini. Due schiacciate consecutive di McLean portano il punteggio sul 44-39 per Milano con Buscaglia che ferma subito il gioco. Cummings segna subito la tripla del meno 2, l’Olimpia getta al vento tre attacchi consecutivi ma Trento ottiene solo un libero per il 43-44. Gentile interrompe il digiuno meneghino con un grande step-back, ma ancora Cummings con la tripla impatta a quota 46. Milano commette infrazione di 24”, Lockett sbaglia la tripla e il periodo finisce 46 pari.

Image00020Lockett spara la tripla di inizio quarto, Lafayette ne sbaglia due e Wright in contropiede inchioda il 51-46 con Repesa che chiama subito timeout. Lockett schiaccia il +7, Batista dopo uno scontro di gioco reagisce e si prende tecnico con Poeta che segna il libero del 54-46. Trento non concretizza il possesso e Kalnietis sblocca Milano con l’appoggio del meno 6, ma il gioco è caratterizzato sempre da un sacco di errori da ambo le parti e punteggio che non si muove. Macvan da solo segna il 50-54, ma Sutton dalla lunetta rimette 6 lunghezze tra le squadre. Gentile dall’angolo infila la bomba del meno 3, e subito dopo Simon lo imita e pareggia a 56. Pascolo ai liberi fa +2, e poi fa una grandissima stoppata su Gentile. Ma Kalnietis con una schiacciata mostruosa impatta a quota 58, ma ancora una volta dalla lunetta Trento si riporta avanti di 1 con Wright. Kalnietis sbaglia l’appoggio, Sutton subisce fallo e va in lunetta ma fa solo 1 su 2 per il +2. Stavolta a subire fallo è Gentile che è glaciale e fa 2 su 2 per la parità a quota 60. Poeta subisce immediatamente fallo e fa 1 su 2, a rimbalzo c’è contesa che premia Milano con 17 secondi da giocare. Gentile prende palla, si costruisce il tiro e segna un canestro pazzesco per il 62-61 con 83 centesimi da giocare. Trento non costruisce nulla dalla rimessa e la partita termina con la vittoria di Milano che vola in semifinale battendo 3-0 Trento.

AQUILA TRENTO: Cummings 7, Poeta 7, Pascolo 8, Forray 6, Flaccadori, Sutton 6, Lockett 13, Wright 14, Bergreen

Rimbalzi: 29 (Wright 6) Assist: 14 (Sutton 4) T2: 14/31 T3: 6/26 TL: 15/21

OLIMPIA MILANO: McLean 6, Lafayette, Gentile 16, Cerella, Kalnietis 6, Macvan 8, Jenkins 4, Simon 16, Batista 6

Rimbalzi: 43 (McLean 7)   Assist: 9 (Kalnietis 4)   T2: 21/40 T3: 4/20 TL: 8/10

 

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.