8volante Virtus! Bologna supera Varese e resta imbattuta in stagione

Home Serie A Recap

Segafredo Virtus Bologna – Openjobmetis Varese 87-80

(21-22; 19-12; 17-21; 30-25)

March complicato ma vinto dalla Segafredo Virtus Bologna perché i ragazzi allenati da coach Attilio Caja hanno venduto carissima la pelle, obbligando le VuNere a giocare una partita “seria” e soprattutto 40 minuti veri, anche grazie ad un Josh Mayo stellare.

Parte con un 4 a 0 la Pallacanestro Varese ma la Virtus è tranquilla e al 5′ siamo sul 9 pari. Il match è molto equilibrato nel corso del primo periodo e nessuna delle due compagini riesce a prendere un vantaggio sostanzioso rispetto all’altra, tant’è vero che al primo mini intervallo obbligatorio i biancorossi sono in vantaggio di un punto, 22 a 21, ma Milos Teodosic ha già iniziato a predicare pallacanestro lungo tutto il parquet del PalaDozza.
Nel secondo periodo si fa molta più fatica a segnare, soprattutto per quanto riguarda l’Openjobmetis, complice una difesa di casa nettamente più intensa rispetto a quella vista nei primi dieci minuti. Al 15′ siamo sul +3 per le VuNere. La sfida è in equilibra perché ad 1.26 dal suono della seconda sirena siamo sul 36 a 34 per la Segafredo ma un parziale di 4 a 0 permette ai ragazzi allenati da coach Sasha Djordjevic di andare all’intervallo lungo sopra di due possessi pieni (40 a 34). Finora eccellente partita di Josh Mayo: 18 punti tirando 4/5 dai 6 metri e 75.

Al ritorno dagli spogliatoi gli ospiti sono bravi a sopravvivere al tentativo di fuga dei bolognesi perché la Virtus ha toccato anche il +10 ma Mayo e Simmons hanno dimostrato di non voler tirare i remi in barca anzitempo e il #14 biancorosso segna il +1 a 12 secondi dalla fine del terzo periodo. Poco dopo viene fischiato un fallo sul tiro da tre in favore di Teodosic e un tecnico contro Caja per proteste: il serbo fa 3/4 a cronometro fermo e i bolognesi al 30′ conducono 57 a 55.
L’inizio di quarto periodo è di altissimo livello per gli emiliani e Markovic obbliga Caja a chiamare il suo terzo e ultimo timeout perché la Segafredo ha tre possessi pieni di margine. I lombardi non ci stanno e, dopo il minuto di sospensione, rispondono con due triple in fila: -3. Alla fine è la Virtus a vincere questa partita, anche e soprattutto grazie alle magie dei due serbi: Markovic e Teodosic. 87-80 per i bianconeri al 40′.

Bologna: Gaines 10, Weems 4+9a, Gamble 9, Ricci 13, Markovic 14, Baldi Rossi 0, Pajola 5, Hunter 10, Deri NE, Nikolic NE, Teodosic 19, Cournooh 3. All. Sasha Djordjevic.

Varese: Peak 6, Clark 8, Mayo 27, Simmons 9, Vene 5, Natali 4, Jacovics 14, Seck NE, De Vita NE, Tambone 0, Gandini 0, Ferrero 7. All. Attilio Caja.

Qui trovate le statistiche complete della gara.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.