A tutto Kobe: “ESPN ha sbagliato anche lo scorso anno, Howard è un bambinone”

Home

kobe-bryant-los-angeles-lakers

Ospite al “Jimmy Kimmel live!” ieri Kobe Bryant è stato intervistato dal conduttore televisivo statunitense su vari argomenti, in particolare sui Lakers passati e futuri. Poche ore prima il Black Mamba aveva conosciuto la classificazione dei giallo-viola nel ranking pre-stagionale di ESPN: 12esimi, naturalmente il giocatore non l’ha presa bene.

Il tuo obiettivo è superare Kareem Abdul-Jabbar nella classifica marcatori All-Time?

“No, non è un mio obiettivo. I titoli NBA lo sono, la gente spesso non capisce a fondo quanto io sia ossessionato dalla vittoria”.

Ti mancherà Metta World Peace?

“Tremendamente”.

Il tuo tendine d’Achille come sta?

“Sempre meglio, sono molto fortunato. Non so però se riuscirò a tornare in tempo per l’inizio della stagione”.

Se fossi andato al college [Kobe è passato in NBA direttamente dalla high school nel 1996, ndr] quale avresti scelto?

“Penso UNC piuttosto che i Duke Blue Devils”.

La prima lettera di college che hai ricevuto?

“Da Westpoint”.

L’hai mai considerata come opzione?

“No, mai”.

Un pensiero sul Dr. Buss.

“Mi ha permesso di crescere come uomo e come persona”.

Qual è stato l’avversario più duro da affrontare lungo i tuoi 17 anni di carriera?

“Ce ne sono un po’, penso ad Allen Iverson, Carmelo Anthony, Stephon Marbury, Gilbert Arenas e Kevin Durant. Il più duro in assoluto però è stato Tracy McGrady”.

Ti ha infastidito quando, dopo l’addio di Shaq, la gente diceva che non avresti vinto senza di lui?

“No, mai. Mi ha infastidito quando lo ha detto lui”.

Se potessi riportare ai Lakers un compagno qualsiasi di questi 17 anni chi sceglieresti?

“Sicuramente Derek Fisher”.

Una volta che ti sarai ritirato ti interesserà allenare?

“No no no no”.

Il tuo soprannome preferito?

“VINO”.

La tua Top 5 di tutti i tempi?

“Magic Johnson, Michael Jordan, Larry Bird, Bill Russell, Kareem Abdul-Jabbar”.

Da chi hai imparato di più?

“Michael Jordan”.

Cosa pensi di Dwight Howard?

“E’ un bravissimo bambinone. L’ho voluto a LA per aiutare la squadra e me, ma non è servito a nulla”.

ESPN ha classificato i Lakers 12esimi, cosa ne pensi?

“Capita di sbagliare. L’anno scorso ci avevano classificati primi e si sono sbagliati di grosso”.

Quindi farete i Playoffs?

“Nah, finiremo 12esimi”.

Potresti lasciare i Lakers per i Clippers?

“No, sono un Laker a vita”.

Ti hanno infastidito i rumors su una possibile partenza di Pau Gasol?

“Sì, moltissimo”.

Chris Paul sarebbe potuto diventare un Laker?

“Parlando legalmente sì, parlando alla David Stern no”.

[banner align=”aligncenter”]

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.