A2 ovest: la Virtus cade a Scafati. Biella sul velluto. Latina corsara a Capo

Home

EDILNOL PALLACANESTRO BIELLA – BPC VIRTUS CASSINO 92-63

(24-16; 26-14; 16-18; 25-15)

Ancora buono l’impatto sulla gara di Biella per Massone

Partita con poca storia al Hype Forum, dove l’Edilnol Biella supera senza troppi patemi una BPC Cassino  apparsa senza grinta e convinzione, oltre che con poche armi per poter contrastare l’avversario. La partita di fatto dura 4′, fino a quando cioè Biella, dopo un time out di Carrea, piazza un parziale di 13-2 che distrugge le poche sicurezze dei laziali, che da lì in poi non riescono praticamente più a trovare fluidità offensiva, complice anche una prestazione quasi irritante di Pepper e Jackson. Per l’Edilnol comunque una prova convincente che consente di consolidare la posizione in classifica portandosi a 16 punti e fa ben sperare per il futuro, dopo un dicembre da 4 vittorie su 5 partite, e soprattutto dopo aver allungato le rotazioni col ritorno in campo di Massone (3/4 da tre con 6 assist) e aver ritrovato Chiarastella nel ruolo di leader difensivo. Questa sera tutto facile, grazie alla precisione dalla lunga distanza e all’ottima circolazione di palla (19 assist totali di squadra): 17 punti per Sims e Harrell, 15 per Vildera a Wheatle

GIVOVA SCAFATI – VIRTUS ROMA 100-98 dts

(31-20; 14-20; 22-21; 21-21; 12-10)

Thomas, decisiva la sua tripla

Non bastano alla Virtus Roma un Sims da 34 punti e 43 di valutazione, e un quarto periodo da fenomeno di Moore, per sconfiggere una Givova Scafati che ha semplicemente voluto la vittoria più degli avversari. Con questi 2 punti i campani si allontanano dalla zona calda, mentre Roma viene raggiunta in testa da Bergamo. La Givova gioca un grande primo periodo, scavando un solco in doppia cifra, ma pian piano la Virtus è brava a rosicchiare punti importanti, e nell’ultimo periodo si affida a Moore che ripaga la fiducia trascinando i suoi a contatto dell’avversario. La tripla di Landi impatta il punteggio a 25″ dalla fine, e quando il 1/2 di Thomas dalla lunetta sembra consegnare la vittoria agli ospiti, Sims non riesce a fare meglio, mandando la partita all’overtime. Nel supplementare si segna praticamente solo dalla linea del tiro libero, e risulta decisiva la tripla di Thomas quasi sulla sirena, che consegna la vittoria a Scafati, dopo una partita molto bella e di rara intensità

AXPO LEGNANO – 2B CONTROL TRAPANI 80-89

(18-21; 20-19; 20-33; 22-16)

Renzi, leader di Trapani

La 2B Control Trapani conquista un’importantissima vittoria esterna sul campo della Axpo Legnano, che consente ai siciliani di tenere a distanza la parte bassa della classifica, avvicinando nel contempo la zona playoff. Assoluto protagonista il solito Renzi (23 punti con 7/8 da 2 e 21 di valutazione), ben assistito dalle prestazioni di Clarke (19 punti con 6/7 da 2), Marulli e Mollura (14 punti per entrambi). Legnano resta invece penultima, e oltre a Raffa e London (46 punti in due) ottiene ben poco dal resto della squadra, se si escludono i 14 di un positivo Bortolani. Dopo un primo tempo equilibrato, la svolta del match si è avuta nella seconda metà del terzo periodo in cui Trapani ha saputo scavare un solco di 13 punti, affidandosi sl duo Renzi-Clarke che praticamente da soli hanno siglato un parziale di 13-2 che a spezzato le gambe ai lombardi.

REMER TREVIGLIO – BERTRAM TORTONA 69-60

(18-17; 16-13; 18-15; 17-15)

Ottima partita di Borra

Ancora una vittoria convincente per la Remer Treviglio che non vuole smettere di stupire, e guidata da Roberts (20 punti + 9 rimbalzi con 7/12 dal campo e 32 di valutazione) e da un super Borra (19+12 rimbalzi) vince quello che si poteva definire uno scontro salvezza. Male il Bertram Tortona, che ancora senza un americano, trova note positive nel solo Ndoja (17 punti), mentre Alibegovic (19 punti) si spegne troppo presto, dopo un ottimo avvio. Nel complesso Treviglio è sembrata sempre in controllo della gara, aggiudicandosi i parziali di ogni quarto, e scappando nel terzo periodo con un parziale di 10-0 in cui è risultato decisivo Caroti. Da lì in poi Tortona non è più riuscita a tornare a contatto, mantenendo sempre almeno due possessi di svantaggio, con la Remer che nell’ultimo quarto ha toccato anche il +15.

BENFAPP CAPO D’ORLANDO – BENACQUISTA LATINA 80-85

(22-16; 20-21; 17-21; 21-24)

Terzo posto in classifica per Latina

Colpaccio esterno della Benacquista Latina che si issa al terzo posto solitario in classifica, e con un secondo tempo da 48 punti batte la Benfapp Capo d’Orlando. I siciliani si sono affidati al trio Triche-Bruttini-Parks che segnano 58 punti sul totale di 80, mentre migliore la distribuzione di Latina che porta 5 giocatori in doppia cifra (17 i punti di Fabi, top scorer dei suoi). Dopo un primo tempo in cui Capo è stato sempre in vantaggio, senza però mai raggiungere la doppia cifra, nel terzo quarto Latina si riporta definitivamente a contatto, portandosi anche in vantaggio. Ma è nell’ultimo periodo che i laziali trovano lo spunto decisivo, prima grazie ai canestri di Cucci e Baldassarre che valgono il +8 a 7′ dal termine, e poi al canestro di Carlson che vale il +14 dopo un parziale di 17-3 propiziato anche da 4 palle perse ravvicinate dei padroni di casa. Parks e le triple di Triche portano Capo prima sul -3 e poi anche a -2 con 12″ da giocare, ma Fabi non trema dalla lunetta e il suo 2/2 chiude la partita.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.