Aaron Gordon onesto: “Appoggerei una nuova bolla, se fosse alle Bahamas o alle Hawaii”

Home NBA News

Le tante partite rinviate che si stanno accumulando in questi giorni stanno iniziando a mettere in pericolo il proseguo della stagione NBA, visto che gli stringenti protocolli della Lega americana fermano i giocatori a decine appena viene scoperta una nuova positività. Tutti hanno però pochi dubbi: una nuova “bolla” non è fattibile, visto che già la prima aveva richiesto un’incredibile organizzazione e non era piaciuta, umanamente, ai giocatori, costretti per mesi a stare lontani da casa e dalle proprie famiglie.

Aaron Gordon, lungo degli Orlando Magic che è stato nella prima “bolla” infortunandosi però nelle prime partite, su Twitter ha espresso un parere molto onesto: “La situazione sta iniziando a diventare strana… Mi andrebbe bene una bolla se fosse alle Bahamas o alle Hawaii e se potessimo portare con noi la famiglia, la moglie o la fidanzata”. Un piano che forse condividerebbero molti colleghi, ma di difficile attuazione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.