Al CSKA non basta James, Kalinic fa esultare il Valencia dopo due overtime

Coppe Europee Eurolega Home

VALENCIA BASKET – CSKA MOSCA 105-103 d.t.s.
(25-17, 22-26, 17-20, 20-21, 11-11, 10-8)

Non bastano i 37 punti di Mike James al CSKA, la battaglia di nervi, dopo due overtime, la porta a casa il Valencia, grazie ad un ottimo Kalinic che nel finale segna il vantaggio decisivo. Dopo i tempi regolamentari in assoluto equilibrio, anche l’overtime non trova un padrone, fino ai due errori nel finale del play ex Milano.

Valencia parte col piede giusto, mettendo subito in difficoltà la difesa avversaria con possessi a ritmi alti sfruttando la precisione di Kalinic al tiro e la fisicità di Williams che permettono subito agli spagnoli di chiudere sul +8 il primo quarto (25-17). Nel secondo periodo l’intensità dei padroni di casa non cala e il solito Kalinic scrive il massimo vantaggio per Valencia, 30-17 a 7′ dall’intervallo lungo e timeout obbligatorio per i russi. Il CSKA al ritorno in campo si affida a Mike James: 5 punti in fila dell’ex Milano permettono agli ospiti di ricucire lo strappo. Grazie al suo playmaker, il CSKA ritrova fiducia anche nella metà campo difensiva, spezzando il ritmo dell’attacco avversario e trovando con Hackett la tripla che chiude il primo tempo sul 47-43. Al rientro dagli spogliatoi il Valencia prova ad imporre ritmi e gioco, non riuscendo però a trovare spazio nell’area avversaria. Voigtmann, con due canestri consecutivi, regala per la prima volta nella serata il vantaggio ai suoi, sul 52-53 dopo 3′ di terzo periodo. Il risultato torna dunque in equilibrio, con botta e risposta da una parte e dall’altra: James risponde a Tobey ed è poi Strelnieks dall’arco che regala il massimo vantaggio di serata al CSKA sul +5. Valencia ritrova, però, ritmo in attacco, con le giuste geometrie che portano alla tripla di Prepelic: di nuovo avanti gli spagnoli, che chiudono in vantaggio il terzo periodo (64-63). I padroni di casa sembrano averne di più al rientro in campo: 8-2 di parziale per il Valencia che costringe coach Itoudis al timeout dopo tanta confusione in attacco da parte del CSKA. Il minuto di sospensione fa benissimo ai russi: Strelnieks segna dall’arco, James fa lo stesso con una penetrazione di forza e in un amen, grazie anche ad una schiacciata di Voigtmann, il CSKA torna a contatto sul 74 pari a 5′ dal termine. La gara torna in equilibrio e sale d’intensità: Valencia mette pressione alla prima linea offensiva degli avversari, che però con il solito Mike James riescono facilmente ad arrivare comunque fino al ferro. Valencia però non ci sta e torna avanti grazie alla tripla di Labeyrie (80-79 a 120″ dalla sirena). Kalinic dà continuità offensiva ai padroni di casa; il CSKA, però, non si scoraggia e con Kurbanov trova subito la via del canestro ed il pareggio. Mike James perde palla in attacco ma dall’altra parte subisce fallo e a 30″ dal termine il tabellone dice 82-82. Il play statunitense fa 2/2 dalla lunetta, regalando il vantaggio ai suoi; Tobey schiaccia il pareggio che rimane tale fino alla sirena dell’ultimo periodo e obbliga le due squadre al supplementare. Anche nell’overtime il punteggio rimane in equilibrio in avvio ed è poi Kurbanov, su assist di Hackett, a segnare il +4 a 2′ dalla fine. Kalinic però non molla: in un minuto, con un gioco da tre punti e un canestro in allontanamento, il serbo porta di nuovo avanti Valencia, 94-93 a 60 secondi dal termine. Gli spagnoli, dopo l’errore del CSKA, hanno in mano la palla della sicurezza, ma Dubljevic pasticcia e regala due liberi a Mike James, che non sbaglia, riportando sul +1 i suoi. CSKA, però, commette fallo, anche se Hermannsonn dalla lunetta da 1/2, prima della preghiera da centrocampo del CSKA che non va a buon fine ed apre la strada al secondo overtime sul 95 pari. Gioco da tre punti di Voigtmann e subito Mosca avanti di tre lunghezze ma la partita sembra non voler trovare un padrone: al Valencia bastano due possessi per tornare avanti, trasformando gli ultimi minuti di overtime in una guerra di nervi. Van Rossom segna (0/4 fino a quel momento), con un po’ di fortuna, la prima tripla della sua serata, ma James è indemoniato e ne segna 5 in fila riportando avanti i suoi sul 101-103. Valencia pareggia dalla lunetta e poi torna in vantaggio grazie a Kalinic, che sfrutta il ritardo della rotazione difensiva avversaria. Sul capovolgimento di fronte, la squadra russa si affida ovviamente a James, che però sbaglia due volte dall’arco e i padroni di casa possono festeggiare. Vince il Valencia 105-103.

VALENCIA BASKET: Kalinic 22, Prepelic 22, Hermannsonn 17

CSKA MOSCA: James 37, Voigtmann 19, Kurbanov 17

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.