Al PalaVela la Sidigas va sotto ma nel secondo tempo conquista la vittoria

Home Serie A Recap

FIAT TORINO – SIDIGAS AVELLINO 79-96

(30-23, 16-19, 14-24, 19-30)

A Santo Stefano, nel posticipo di giornata, la Sidigas Avellino supera la FIAT Torino. Nel primo tempo la squadra di coach Brown gioca una buona pallacanestro e conquista il vantaggio, ma nella seconda parte la qualità degli ospiti esce allo scoperto e, guidata la Green e Sykes, la Sidigas porta a casa la vittoria. Il match finisce tra fischi e cori del PalaVela per l’assistente Paolo Galbiati.

La FIAT Torino schiera dal primo minuto Moore, Carr, Hobson, Wilson e Cusin, mentre coach Vucinic risponde con Nichols, Green, Sykes, Young e Filloy.

Cusin inaugura il match, dopo un minuto di gioco, con un piazzato dalla media, ma è Avellino a passare subito in vantaggio con le triple di Green e Sykes che determinano il 4-6. È sempre il lungo torinese a finalizzare le azioni dei padroni di casa, concretizzando il 2+1 regalato dalla difesa avellinese per il 9-8. Gli irpini alzano il ritmo del match accontentandosi spesso di conclusioni dalla lunga distanza, come quella di Nichols per il 13-13, ma la FIAT non sta a guardare e con Hobson si riporta sul +3. Dallas Moore si conferma ancora una volta in ottima forma e si carica sulle spalle Torino, che torna avanti nel punteggio. Filloy tiene viva la Sidigas ma l’asse Moore-McAdoo funziona a meraviglia e la FIAT vola sul +7. Nichols accorcia ma sulla sirena è Wilson a sparare da 8 metri e sancire il 30-23.

Un’ingenuità dell’ex-Clippers regala a Campogrande i tre tiri liberi del -4 ma il n. 21 irpino commette lo stesso errore, consentendo a Torino di portare il punteggio sul 35-28. Moore sigla la doppia cifra di vantaggio torinese, prima che D’Ercole provi a svegliare i suoi dall’angolo. Cinque punti consecutivi di Sykes mettono paura alla FIAT che con McAdoo torna a +4 e chiude il primo tempo in vantaggio per 46-42. Nonostante una Sidigas addormentata e poco pungente, Torino non ne approfitta per allungare e tiene aperto il match, proponendo un gioco lento e statico.

Complice una ripresa poco concentrata di Torino, Avellino riapre il match pareggiando a quota 46. Carr prova a ridare un po’ di ossigeno ma Green dai 6.75 segna il -1. Torino fallisce i numerosi secondi tiri che la difesa irpina concede e allora Green e Filloy ne approfittano per siglare il controsorpasso, 50-55. Il gioco torinese perde di fluidità, le percentuali al rito ne risentono e Avellino vola sul 52-59. Un 2+1 di McAdoo avvicina la FIAT, ma in un attimo i biancoverdi mettono a segno una serie di canestri facili che li riportano sul +9. Una tripla di Delfino sulla sirena chiude il terzo quarto sul 60-66.

Sfruttando un antisportivo di Hobson, Sykes ne approfitta per mettere al sicuro la doppia cifra di vantaggio. Wilson prova a caricarsi Torino sulle spalle ma non ottiene dai compagni la reazione sperata: Caleb Green scardina in ogni modo possibile la difesa della FIAT e porta gli irpini a +15. La tripla di Carr e la classe di Moore tengono – matematicamente – viva Torino sul -13, mentre la “pochezza” dell’attacco piemontese è evidenziata degli 0 falli commessi da Avellino in oltre 7 minuti di gioco. Coach Brown si dimentica in panchina i propositivi Jaiteh e Poeta, il PalaVela inneggia a Paolo Galbiati e la Sidigas vola via. La tripla di Campogrande vale il 77-96, mentre Wilson chiude il match sul 79-96.

TABELLINI

FIAT Torino: Wilson 11, Anumba ne, Carr 16, Hobson 3, Guaiana ne, Poeta, Delfino 6, Cusin 5, McAdoo 15, Jaiteh 2, Portannese 2, Moore 19. All. Brown

Sidigas Avellino: Young 2, Green 23, Nichols 20, Bianco ne, Filloy 14, Campani 5, Sabatino, Campogrande 6, D’Ercole 5, Sykes 21. All. Vucinic

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.