Arizona raggiunge il #1 posto

Home

LNNSFJGFELFQDQH_20130119194815Siamo quasi alla fine per quanto riguarda le partite di non-conference della Ncaa 2013-2014. Le gerarchie sono ancora in bilico, infatti dopo più di un mese di sfide si sono viste ben 3 squadre alternarsi alla vetta del ranking nazionale: Kentucky, Michigan State e ora Arizona. In questa settimana ci sono state importanti riconferme da parte di squadre che durante l’anno passato avevano stupito, come la Whicita State della stella Cleanthony Early e Ron Baker, la quale è ancora imbattuta con il record di 8-0. Anche i Bruins di UCLA stanno avendo un’ ottima partenza di stagione sospinti dalle riconferme di Kyle Anderson, Jordan Adams, i gemelli Wear e Norman Powell sebbene abbiano perso un’ intensa sfida contro Mizzuo(Missouri).  Non sorprende affatto invece la solidissima squadra di coach Ted Mata, Ohio State, i Buckeyes, che nell’estate hanno perso la stella Deshaun Thomas, infatti ricoprono attualmente la terza posizione nel RPI e si confermano come miglior difesa battendo nella gara andata in onda su Skysport grazie a Laquinton Ross (20pnt-6rimb) ed alle giocate sopra il g258258000000000000797c3dc3ebf4193f0f961c11aad8cefa7fa385b2ferro di un pazzesco Sam Thompson, i Maryland Terrapins per 76-60. Mentre stupisce per l’incostanza e l’ imprevedibilità North Carolina che prima inciampa contro gli UAB Blazers con una pessima partita di Mcadoo e due giorni dopo sconfigge inaspettatamente la #1 Michigan State alla quale non bastano i 16 punti e 8 rimbalzi di Adrien Payne. Per i Tar Heels da registrare un’altra partita sottotono di James Mcadoo e la solida prestazione del sophomore J.P. Tokoto(foto), autore di una doppia-doppia da 12 pnt e 10 rim. Nel settore sorprese al positivo non poteva non rientrare la magica #12 Connecticut che con la coppia di point-guard Boatright-Napier si sta candidando come pretendente al titolo della Big-East. Proprio gli Huskies vincono contro i Florida Gators con un tiro allo scadere di Shabazz Napier il quale ne firma 26. Ovviamente in questo inizio di stagione  ci sono state anche molte delusioni, soprattutto da parte dei vice-campioni dell’ anno scorso, i Wolverines. Michigan orfana di Trey Burke e Tim Hardaway jr. si ritrova subito 12595861-essayfuori dal ranking con un discreto record di 6-3 e con alcune ” Bad Loses”. L’ultima sconfitta giunta contro i Duke BlueDevils di Jabari Parker(foto), il quale supportato dal play Quinn Cook (24 pnt) ne segna 15. Anche la Kansas di coach Bill Self dopo un buon inizio culminato con la vittoria contro Duke, si ritrova ferma a 6 vittorie e 3 sconfitte e con un Andrew Wiggins ch fa fatica a mostrare costantemente il suo talento. Ma sulle 300 e più squadre della Division 1, sono due i team che hanno saputo elevarsi sopra le altre, Wisconsin e Arizona. Se la prima e proprio quella che non ti aspettavi, per la seconda invece le attese erano parecchie. Infatti i Wildcats dopo il modesto torneo dell’ anno scorso ritrovano tutti i componenti dell’ anno scorso, cominciando dalla guardia Nick Johnson e dalle Forward Brandon Ashley e Kaleb Tarczewsky. Inoltre nel draft estivo si è aggiunto l’attesissimo Aaron Gordon(foto) , forse il nuovo Blake Griffin a detta di molti, a lungo conteso dalle migliori università d’america.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.