Awudu Abass: “Bisogna condannare il razzismo, inclusione e integrazioni oggi sono possibili, il sistema deve fare qualcosa”

Home Serie A News

Awudu Abass, guardia della Leonessa Brescia e della Nazionale Italiana, ha rilasciato importanti dichiarazioni riguardo al sempre caldo tema “razzismo” ai microfoni di Piero Guerrini di Tuttosport.

Di seguito riportiamo le parole dell’ex giocatore di Milano:

In Italia c’è chi continua a pensare e a parlare spinto dall’ignoranza, e io non sono affatto sorpreso. Queste persone parlano con gli occhi chiusi e non realizzano che oggi il paese sta cambiando, tanti stranieri stanno arrivando, tanti italiani se ne stanno andando, come è sempre accaduto anche in passato. Dobbiamo prendere come esempio le grandi capitali estere, parlo di Londra, Parigi, del Canada e degli Stati Uniti, oggi l’inclusione, l’integrazione e la convivenza sono possibili. Invece qui succede il contrario, la gente parla tanto per parlare e fa gesti inconcepibili, serve dare un segnale. Penso che gli arbitri e la federazione debbano intervenire, serve che il sistema agisca e si mettano dei limiti, parlo di daspo e squalifiche ai tifosi che offendono tramite il razzismo, non per sempre, ma almeno per un po’ di tempo, per dare un segnale.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.