bang bros miami heat

Bang Bros ci riprova: vuole dare il nome all’arena dei Miami Heat

Home NBA News

Qualche anno fa, quando si parlava di rinominare l’arena dei Miami Heat, si era fatta avanti Bang Bros, casa di produzione pornografica, offrendo 10 milioni di dollari. Per ragioni di immagine e economiche, Miami aveva rifiutato. Nel 2021 FTX, piattaforma per lo scambio di cryptovalute, aveva siglato un accordo di 19 anni con i Miami Heat per un totale di 135 milioni di dollari, e da allora lo stadio era rinominato FTX Arena. Ora però FTX ha sostanzialmente dichiarato bancarotta, facendo decadere anche i naming rights che aveva sul palazzetto. L’azienda ha pagato inizialmente 14 milioni di dollari, ma i 5.5 milioni che sarebbero dovuti arrivare a gennaio non verranno mai recapitati. Per questo motivo la franchigia è ora alla ricerca di un nuovo sponsor.

“Nel 2019 abbiamo fatto un’offerta da 10 milioni di dollari ai Miami Heat per i diritti sul nome dell’arena, suggerendo il nome Bang Bros Center (The BBC). Vista la recente notizia su FTX, riproponiamo la nostra offerta per diventare la nuova casa dei Miami Heat” ha scritto la società in un comunicato.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.