Barcellona, coach Pesic: “I catalani fanno bene a protestare”

Coppe Europee Eurolega

Sono giorni davvero molto caldi in politica internazionale, su diversi fronti. Ed è naturale che anche lo sport venga toccato, di riflesso, da ciò che gli succede intorno.

Dopo la crisi Cina – NBA e lo schieramento di Enes Kanter contro la decisione del governo turco di iniziare l’invasione di una parte della Siria, il mondo del basket entra anche nella vicenda dell’indipendenza catalana. Da giorni a Barcellona ci sono accese proteste (sfociate in episodi di guerriglia urbana) dopo le condanne dei leader indipendentisti. Il coach dei blaugrana, Svetislav Pesic, ha detto la sua sull’argomento dopo la gara di EuroLega con l’Alba Berlino: “Io vengo dalla Jugoslavia – ha dichiarato l’allenatore -, un Paese che non esiste più, dove la situazione era molto più accesa. A Barcellona ho molti amici, alcuni sono per l’indipendenza e altri no, io sono solamente un allenatore ma tutti noi siamo condizionati dalla politica. Comprendo la decisione della Corte Suprema ma ritengo questo proteste positive, credo che i cittadini catalani abbiamo tutto il diritto di far sentire la loro voce, ovviamente evitando la violenza, perché questo è il loro Paese”, ha concluso Pesic.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.