Barkley non pensa che Dellavedova abbia limitato Curry, ma le stats danno ragione all’australiano

NBA News

Con la serie fissa sull’1-1, l’argomento principale di discussione in questi due giorni successivi all’impresa dei Cleveland Cavaliers alla Oracle Arena è stata la difesa di Matthew Dellavedova, che secondo molti ha limitato Stephen Curry. L’MVP in carica ha infatti vissuto una delle peggiori serate dell’anno, chiusa con soli 19 punti ed un 5/23 dal campo che grida vendetta.

In questa grafica di ESPN, le cifre di Curry marcato da Dellavedova e da tutti gli altri giocatori di Cleveland.

Cattura

Nonostante i numeri, l’ex giocatore dei Suns e dei Sixers, Charles Barkley, non pensa che la scarsa produzione di Curry sia opera dell’australiano. Sir Charles si è infatti espresso in maniera categorica:

I discorsi secondo cui Dellavedova avrebbe fermato Curry sono ridicoli. Quando sei un tiratore capitano i giorni buoni e quelli cattivi, Steph ne ha avuto uno cattivo l’altra sera. Ma Dellavedova non è la ragione per cui ha sbagliato quei tiri. Curry ucciderà Delly in qualsiasi aspetto del gioco, semplicemente non gli sono entrati i tiri, tutti dovrebbero smetterla di parlare così tanto di questo. Ha solo sbagliato dei tiri.

Chissà se avrà ragione Barkley o se davvero Dellavedova sarà in grado anche nei prossimi match di mettere la museruola a Curry. Nel frattempo una statistica è piuttosto convincente e dà parecchio merito all’australiano per la propria difesa in questi Playoffs: Isaiah Thomas, Derrick Rose, Jeff Teague e Stephen Curry (nelle prime due gare), ovvero i quattro playmaker migliori affrontati da Dellavedova, hanno tirato complessivamente 24/82 quando marcati dall’ex Saint Mary’s.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.