Barnes cerca riscatto a Dallas, ma i Mavs stanno chiudendo un’Era

NBA News

Dallas Mavericks

Dallas_Mavericks_logo.svg

 

Roster

PM: Deron Williams, Seth Curry, Devin Harris, JJ Barea
G: Wesley Matthews, Jonathan Gibson
AP: Harrison Barnes, Justin Anderson
AG: Dirk Nowitzki, Dwight Powell, Quincy Acy
C: Andrew Bogut, Salah Mejri, AJ Hammons

 

La stella

Come ogni anno da quasi 20 stagioni a questa parte, sarà sempre Dirk Nowtzki la stella di questi Mavericks. Il tedesco ha rinnovato in estate con un biennale da 50 milioni di dollari dopo che, per l’ennesima volta, i big free agent avevano volto lo sguardo da un’altra parte. Dirk dovrebbe essere in calo fisico, ma in campo non lo ha dimostrato troppo chiaramente visto che l’anno scorso ha addirittura migliorato le proprio medie rispetto alla stagione 2014-15. E’ l’unico giocatore di un roster con grosse lacune ad avere punti costantemente nelle mani, per un altro anno dovrà fare di tutto per far vincere più partite possibili ad una squadra che sembra lontana dal raggiungere i Playoffs.

 

Barnes in cerca di riscatto

Harrison Barnes è in cerca della propria redenzione dopo delle Finals disputate orrendamente e una dipartita forzata dai Golden State Warriors, che gli hanno preferito KD. In questi Mavs non ci saranno Curry, Thompson o Green, l’unico “ostacolo” per prendersi il palcoscenico sembrerebbe Wunder Dirk, l’occasione per dimostrare a chi lo considerava uno dei top prospect del Draft 2012 è ghiotta. Dallas potrebbe solo giovare della volontà di riscatto del prodotto di North Carolina, che può probabilmente fare di più che i 10.1 punti di media mantenuti in carriera.

 

Le mosse estive

Dallas come al solito non ha attirato grandi giocatori in free agency. Ha rinnovato il contratto di Nowitzki, che sembra più un “premio alla carriera” che qualcosa di ragionato. Il tedesco infatti secondo le prime notizie avrebbe dovuto guadagnare molto meno di 25 milioni a stagione, poi a causa della partenza di Parsons e dei rinnovi di Conley e Whiteside si è deciso di celebrare un matrimonio ancora più oneroso. Oltre a Parsons, sono partiti anche Felton, Lee e Pachulia, mentre sono entrati Barnes, Bogut e Curry. I Mavs si sono accontentati delle partenze degli Warriors, andando a dare il massimo salariale a Barnes e caricandosi il contratto da 11 milioni di dollari di Bogut, unica alternativa per non rimanere scopertissimi sotto canestro. Un altro rinnovo è stato quello di Deron Williams (10 milioni per un solo anno), il quale si è anche lamentato perché voleva un accordo più lungo. Le cifre sono contenute, anche se Williams è lontanissimo dal campione visto ai Jazz anni fa. Una conferma importante è stata quella di Dwight Powell, che l’anno scorso ha dimostrato buone cose e man mano avrà sempre più spazio vista l’età di Nowitzki.

 

Cosa aspettarsi?

Dallas non è una squadra da Playoffs in questa Western Conference. Nella passata stagione hanno chiuso sesti con 42 vittorie, difficile riuscirci anche quest’anno, visto che l’equilibrio (Golden State a parte) dovrebbe essere maggiore e di conseguenza il numero di vittorie per qualificarsi alla postseason dovrebbe alzarsi. L’età di Nowitzki avanza, le condizioni fisiche di Bogut e Williams sono precarie, salvo clamorosi imprevisti i Mavs quest’anno dovrebbero rimanere fuori dai Playoffs.

 

Pronostico: 35/37W (-7/5W rispetto all’anno scorso)

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.