Basket Agropoli: patron Scuderi e il Ds Di Sergio tracciano le linee guida della società

Home

Coach Finelli non si cambia poichè gode della massima fiducia della società e ne rappresenta un valore aggiunto. Con queste parole il presidente del Basket Agropoli, Antonello Scuderi, ha risposto, nell’attesa conferenza stampa convocata dalla società, a quella parte della tifoseria che da qualche tempo ha individuato nel coach bolognese la causa principale del cattivo rendimento di alcuni giocatori e della squadra, fermo restando che tutte le componenti in causa, tecnico, società, giocatori sono sempre sotto esame e che qualche errore può comunque essere sempre commesso, come naturale che sia. Puntualizzato anche che non si cambia la guida tecnica per questioni economiche ma per convinzione che lo scarso rendimento in campionato sia dovuto alla scarsa qualità del roster e al rendimento di qualche giocatore. Il massimo esponente della società del cilento, rispondendo a specifiche sollecitazioni da parte dei giornalisti, ha ribadito che aver trovato la disponibilità del PalaCilento di Torchiara, 7 Km da Agropoli, è stata una vera fortuna in quanto l’alternativa si chiamava Scafati che dista qualche centinaio di km dalla città e che la società, ben consapevole del valore della serie A2 per Agropoli non molla nulla, al di la del traferimento di località, delle scarse risorse economiche, del distacco che si è creato, alla luce dei risultati non brillanti, con parte della tifoseria e del fatto che esiste effettivamente tra una parte del pubblico e coach Finelli una frattura. santolamazza agropoliSecondo Scuderi nulla è perduto e se si trova unità di intenti ,alla luce dell’attuale classifica, la permanenza in serie A2 non è utopia, fatto salvo ogni democratico, civile diritto di critica e di contestazione. A rafforzare i concetti espressi dal presidente dei delfini è intervenuto il direttore sportivo Di Sergio che ha voluto subito precisare che i dirigenti della società sono nati prima tifosi e , poi, per amore della squadra sono diventati anche dirigenti e che , quindi, nessuno può pensare che manchi loro amore verso la squadra che sono pronti a difendere ad ogni costo anche se i risultati attuali sono sicuramente inferiori alle aspettative. Pur sapendo sin dal primo giorno della stagione in corso che il roster non autorizzava nessun sogno se non quello di salvarsi per il mantenimento della categoria. Sollecitato anche sul tema Taylor, una delle principali cause di contestazione dei tifosi, per alcune giocate non proprio all’altezza della fama con cui è giunto in città, il direttore sportivo ha riconosciuto una parte di ragione alla tifoseria circa alcune gare non proprio delle migliori della guardia americana anche se, a suo parere, la serie negativa di risultati è stata determinata più dalla somma di tanti errori individuali, di più giocatori. Per questo la società ritiene di dover dare totale fiducia al coach attuale e intervenire sul mercato, cosa che già sta facendo, per migliorare il roster  individuando elementi di qualità in modo da poter competere tranquillamente per l’obiettivo della salvezza. In campionato Agropoli è attesa domenica prossima dal Tortona, formazione tra le migliori del campionato e la settimana succssiva dall’infuocato, importante derby contro i cugini di Scafati.

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.