patrick_beverley_ja_morant

Pat Beverley incolpa la cultura rap per i problemi che sta vivendo Ja Morant

Home NBA News

La guardia degli Chicago Bulls, Patrick Beverley, pensa che i cattivi genitori e l’attuale cultura rap siano le ragioni principali dei recenti problemi di Ja Morant.

Morant rimane fuori per i Memphis Grizzlies mentre continua a lavorare su se stesso seguendo la serie di controversie in cui si è trovato. Per ricordare, Morant sta avendo diversi problemi dopo essere stato visto sfoggiare una pistola durante una live su Instagram mentre era in un Discoteca di Denver e la situazione è peggiorata solo quando sono trapelate foto di lui con una spogliarellista della suddetta discoteca. Il fenomeno di Memphis è stato anche accusato di aver aggredito un adolescente durante la partita di pallavolo della sorellina.

Da allora la guardia dei Grizzlies è entrata in un programma di consulenza in Florida prima di tornare a giocare in NBA. E mentre ha ricevuto massicce critiche per le sue azioni, alcuni non hanno potuto fare a meno di chiedersi dove ha sbagliato.

E così, quando gli è stato chiesto di commentare la situazione di Morant durante un’intervista su Barstool Rundown, Beverley non si è trattenuto mentre condivideva i suoi pensieri sulla questione. A parte il tema dei genitori, Pat Bev pensa che l’attuale cultura rap in cui gli artisti continuano a sfoggiare pistole e comportarsi come delinquenti influenzino notevolmente Morant e molte delle giovani generazioni di oggi.

L’INTERVISTA

“Ha perso la testa…. Genitori, genitori”, ha detto Beverley sulla questione di Morant, per Outkick. “Penso che la musica abbia molto a che fare con questo adesso. Sai, specialmente con questa cultura. Tutti quelli che impugnano una pistola nel video stanno bene. Sai, sfarfallare i denti va bene. Pantaloni a metà culo, va bene. Quindi, va bene tutto adesso. In passato c’era uno str***o sulla spiaggia con una camicia di seta che diceva un po’ di “Sì, piccola, facciamo festa come se fossimo negli anni ’80’. Tutti indossavano magliette rotte ed erano tutti vestiti allo stesso modo”.

In un grande richiamo agli anni ’90, quando i genitori continuavano a ricordare ai propri figli cosa stavano ascoltando, Beverley ha aggiunto: “È solo un prodotto di ciò che ascoltiamo. La cultura ora è ‘sparagli, bang, bang, sparagli, piegati, ho questa somma di denaro, sono su jet privati’. Ecco cos’è la generazione più giovane. Purtroppo non dovrebbe essere basato sulla nostra musica, ma si basa principalmente su ciò che ascoltiamo ed è così”.

Patrick Beverley ha sostenuto Ja Morant sin da quando è iniziato lo scandalo delle armi e tutte le altre questioni a lui correlate e, chiaramente, sta cercando di dare un senso a ciò che ha portato a tutte le controversie in cui è coinvolto.

Leggi anche: DAN PETERSON SPIA della CIA 🇨🇱: LEGGENDA o REALTÀ?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.