Battuto il Real a domicilio: l’Efes torna a vincere a Madrid dopo 15 anni

Coppe Europee Eurolega Home

REAL MADRID – ANADOLU EFES ISTANBUL 75-80
(20-20/20-23/15-16/20-21)

L’Efes Istanbul rompe finalmente l’anatema e torna a vincere a Madrid dopo ben 15 anni. L’ultima volta era il gennaio 2004. Il Real continua il periodo negativo e perde per la quarta volta consecutiva, tutte sconfitte arrivate in questo 2020. Di contro i turchi, affidati al solito trentello di Larkin, volano per la sesta vittoria consecutiva.

I padroni di casa fanno subito sentire la propria voce portandosi in vantaggio con facilità. Il duo Campazzo-Tavares sembra letale nei primi minuti e Larkin, contemporaneamente, è ancora freddo. Nonostante il largo vantaggio i turchi escono in progressione, anche grazie all’ingresso di Balbay, che limita il 7 blanco e contribuisce a sbloccare il compagno Larkin. Sopra solo di un possesso la tripla di Singleton sancisce la rimonta e alla sirena è parità (20-20). Il copione del secondo periodo sembra pressocché uguale, con il Real che gioca al meglio anche con il secondo quintetto. Mickey e Thompkins segnano per il +5, Tuncer e Balbay rispondono e dopo vari tira e molla l’Efes trova finalmente la via con un parzialone importante di 7-0. Il Real non segna più e gli ospiti chiudono per la prima volta avanti (40-43).
Terzo quarto inizialmente a punteggio basso al Wizink Center. Il Real cerca in tutti i modi di trovare la testa della gara, ma la carenza di precisione dalla lunga distanza e il “ritorno” di Larkin in attacco premia la squadra di Ataman. Il finale accende un lume di speranza tra i locali, affidati a un ottimo Llull oltre che a Thompson, ma l’inseguimento dovrà continuare nel quarto successivo, perché il vantaggio alla terza sirena è turco (55-59). L’ultimo quarto è agguerritissimo nella capitale spagnola, con i padroni di casa che, benché all’inseguimento perpetuo, sognano lo sgambetto alla capolista. La vecchia guardia Rudy-Llull accende il pubblico recuperando sei lunghezze di svantaggio, Larkin continua a predicare nonostante la gabbia difensiva messa intorno a lui e il cronometro corre all’impazzata. Il momento della svolta può arrivare con la tripla di Campazzo, che porta i blancos per la prima volta a un punto di distanza. Le scelte offensive successive però sono tutte errate; l’Efes ne approfitta e, prima con Pleiss e poi con un mastodontico Larkin, chiudono la disputa con facilità. Lo scettro è dei turchi, dopo 15 anni di inattività nella capitale (75-80).

REAL MADRID: Thompkins 15 – Llull 13 – Campazzo 10

ANADOLU EFES ISTANBUL: Larkin 32 – Pleiss 13 – Singleton 7

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.