Bergamo è uno spettacolo: Scafati battuta e vetta in solitaria conquistata

Home Serie A2 Recap

AZIMUT BERGAMO – GIVOVA SCAFATI

89-74

(27-21; 30-23; 16-18; 16-12)

Altra stupenda vittoria targata Bergamo Basket, la truppa di Dell’Agnello gioca alla grande e manda al tappeto la Givova Scafati. Prova pazzesca di Roderick che sfiora la tripla-doppia (26 punti, 11 rimbalzi e 7 assist), ben supportato dal compagno d’armi Taylor (21 punti e 7 assist). A Scafati non bastano i 16 di Ammannato e i 14 di Goodwin

Inizio spumeggiante dei padroni di casa, Bergamo difende alla grande, corre e si diverte con le giocate di Roderick, Taylor e Benvenuti, i ragazzi di Dell’Agnello provano a mettere la freccia già dopo soli 6 minuti di gioco (19-8). Scafati barcolla ma resiste all’onda d’urto degli orobici: Ammannato (7 punti) punisce gli orobici sotto i tabelloni, Contento realizza dalla lunga distanza e Scafati prova a rimontare (23-18). Dopo i primi 10 minuti di gioco Bergamo conduce sul 27-21.

Destro sinistro di Roderick, l’americano in maglia Bergamo punisce la difesa campana con due bombe di fila per il nuovo +10 orobico (33-23), poco dopo Taylor depreda Passera che lo ferma con un fallo antisportivo: Scafati è in ginocchio, i giallo-neri continuano a tenere il piede sull’acceleratore e il vantaggio aumenta sul 43-27 dopo l’inchiodata con fallo di Zucca. La reazione ospite arriva con Goodwin, il n°2 in maglia Scafati è un fattore sia in attacco che in difesa e i campani tornano sul -10 (53-43). Si va al riposo lungo sul 57-44 Bergamo. Per i giallo neri sugli scudi un fenomenale Roderick (17p e 5rim) e un più che positivo Taylor (13p e 6ast), in casa Scafati rispondono Goodwin (11p) e Ammannato (10p).

Bergamo torna in campo con la faccia giusta rispondendo alla grande alla zona 3-2 chiamata da coach Lardo: Fattori e Zucca sono micidiali da oltre l’arco e gli orobici toccano il nuovo massimo vantaggio (67-48). Scafati ritrova linfa sotto le plance ancora una volta con Goodwin e Ammannato, ma i bergamaschi rimangono a distanza di sicurezza: dopo 30 minuti di gioco gli orobici sono avanti sul 73-62.

Si alza l’intensità in difesa e si abbassano le percentuali da ambo le parti, le due squadre producono poco nei primi 3 minuti del periodo. La nuova accelerata bergamasca arriva al minuto 35, con Roderick in panchina è Taylor (20p+7ast) a prendere le redini della gara, quando poi torna sul parquet anche l’ex Ferrara per Scafati la vita diventa sempre più difficile: è proprio Roderick, che tra le altre cose flirta con la tripla-doppia (26p, 11 rim e 7 ast), ad ammazzare la gara con la bomba e l’inchiodata volante. Passano i titoli di coda sulla gara, Bergamo vince 89-74.

BERGAMO: Augeri 0, Casella 5, Roderick 26+11rim+7ast, Bedini 0, Taylor 21+7ast, Fattori 13, Zucca 9, Piccoli 0, Sergio 2, Marelli 0, Benvenuti 11, Zugno 2

GIVOVA SCAFATI: Goodwin 14+9rim, Passera 3, Romeo 6, Contento 11, Ammannato 16, Pavicevic 0, Rossato 13, Solazzi 0, Thomas 8, Sgobba NE, Tavernari 3

 

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.