Biella prima la vince, poi rischia di perderla, ma alla fine sconfigge Scafati

Home

EDILNOL PALLACANESTRO BIELLA – GIVOVA SCAFATI 81-73

(24-10; 22-20; 10-18; 25-25)

Che sofferenza quest’anno per i tifosi biellesi! In una gara che per l’Edilnol Biella sembrava in discesa (vantaggio di 20 punti nel secondo periodo), ma che poi per demeriti propri (i soliti brutti attacchi quando la palla scotta) e per meriti di Scafati, è stata aperta fino all’ultimo. Per l’Edilnol gran partita di capitan Wheatle (21  punti e la tripla ammazza partita), e di Saccaggi, mentre ha un pò deluso Sims dopo le ottime ultime partite. Per la Givova prova balistica notevole di Contento (4/6 dall’arco) e Goodwin che ha dominato sotto le plance, mentre ha un pò tradito Thomas, autore di una partita sottotono.

Biella con un ottimo impatto difensivo costringe Scafati a 3 palle perse nei primi minuti, portandosi 10-4 con due bei contropiede di Saccaggi, e costringendo Lardo al time out dopo 4′. Continuano a essere protagoniste le difese, e in una fase di bassi punteggi è l’Edilnol a beneficiarne, portandosi sul +10 con 4 punti di un positivo Saccaggi. Sono ancora due belle azioni difensive di squadra, condite da una tripla di Harrell e dal canestro sulla sirena della stessa guardia Usa a dare il 24-10 ai rossoblu dopo i primi 10′. I problemi in attacco di Scafati (Rossato è sfortunato in un paio di conclusioni da sotto), e con Pollone e Chiarastella Biella allunga sul +18; ci vogliono 3′  prima che Goodwin in schiacciata interrompa il digiuno, ma Saccaggi in contropiede trova il canestro del +20, costringendo Lardo al time out. Contento si erge a leader degli ospiti con una tripla e un gioco da 4 punti, ma l’Edilnol risponde sempre dall’arco con Bertetti e Saccaggi. Si alzano le percentuali dalla lunga distanza per entrambe le squadre, così la Givova (Thomas in panchina  per lunghi tratti) non riesce a ricucire il distacco. Romeo trova un paio di bei canestri in penetrazione, Vildera segna i suoi primi punti da sotto, e si va negli spogliatoi sul 46-30 (7 palle perse per i campani). Le mani dei giocatori biellesi al rientro in campo si rivelano

Saccaggi, ottima prova per il play

piuttosto fredde, così Scafati con Thomas e Italiano può accorciare fino al -12: time out Carrea con 7.14 sul cronometro. La pausa non sortisce effetti, anzi l’attacco di Biella produce scarsa circolazione e palle perse, che consentono ad Ammannato (tripla e canestro da sotto) di riportare la Givova sul -6. Le due triple di capitan Wheatle sono ossigeno puro per l’Edilnol che allunga nuovamente a +13, in una fase di gioco piuttosto confusionaria in cui dominano le difese. La tripla di Ammannato vale il 56-48 al 30′. Contento dall’arco, risponde Harrell col 2+1, poi su un fallo non fischiato (secondo Biella) a Wheatle, Rossato deposita il -8 in contropiede. Dopo il canestro di Sims, Rossato si inventa una tripla da 9 metri per il -5, e il nuovo tiro pesante di Contento vale il -4 con 4′ sul cronometro. Biella, oltre a un canestro in penetrazione di Saccaggi, riesce a muovere la retina solo dalla linea del tiro libero, così Scafati rosicchia ancora qualche punto con la tripla di Thomas che vale il -2: 73-71 con 2.30 da giocare. Dopo il time out di Carrea, l’azione chiave del  match: dopo un’azione in cui Biella rischia di perdere la palla, Wheatle trova una tripla dalla spazzatura per il +7, e la palla persa di Scafati sull’azione successiva significa vittoria per l’Edilnol. Infatti per i successivi 90″ non si segnerà più dal campo. Biella vince 81-73.

 

EDILNOL BIELLA: Torgano ne; Harrell 18; Chiarastella 3; Sims 12; Saccaggi 19; Vildera 3; Nwuokoye 0; Pollone 2; Bertetti 3; Wheatle 21. Coach Michele Carrea

GIVOVA SCAFATI: Goodwin 16; Thomas 12; Tommasini ne; Contento 15; Italiano 4; Rossato 5; Ammannato 12; Sgobba 2; Romeo 7; Zaccaro ne. Coach Lino Lardo

  • 13
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.