Bill Russell sull’assalto al Congresso: “Quanti morti se ci fossero stati dei neri? Trump via subito”

Home NBA News

Anche la leggenda NBA Bill Russell ha preso chiaramente posizione condannando l’assalto al Congresso di ieri. L’ex giocatore dei Boston Celtics, da anni diventato un noto attivista per i diritti civili, ha attribuito chiaramente le responsabilità dell’azione al presidente uscente Donald Trump.

“Quanto ci avrebbe messo la Guardia Nazionale a intervenire se ci fossero stati degli afroamericani coinvolti? E quanti sarebbero stati uccisi?“, si è chiesto Russell in un tweet che prosegue così: “Questi non sono gli Stati Uniti! Un presidente in carica codardo, Donald Trump, è responsabile di tutto questo e del fatto che ci sia una bandiera confederata fuori dal Senato. Come potevano non sapere che sarebbe successo?”.

Qualche ora dopo Russell ha pubblicato un altro tweet: “Ieri è sembrato un giorno lunghissimo ma pensate quanto sembrerà lungo ogni giorno, ora e minuto nei prossimi 13 giorni (fino alla fine ufficiale del mandato, ndc). Per questo Trump deve essere rimosso adesso, è stato lui a creare tutto ciò”, ha detto chiaramente la leggenda del basket mondiale. Poi l’ex centro ha proseguito con delle domande retoriche: “Quante persone sono state arrestate? È stata tracciata una linea che non potrà più essere valicata?”, alle quali ha risposto: “Troppo poco e troppo tardi”. Infine ha invocato il 25° emendamento secondo il quale il vice-presidente può prendere il potere nel caos in cui venga sfiduciato dalla maggioranza dell’esecutivo. Una proposta che la presidentessa della Camera, Nancy Pelosi, ha avanzato invitando Mike Pence (l’attuale numero 2 del Governo USA) ad assumere il comando.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.