Landry eroico, Brescia ritrova il sorriso battendo Caserta allo scadere!

Serie A Recap

Germani Basket Brescia Leonessa – Pasta Reggia JuveCaserta Basket 64-62

(6-15; 17-13; 19-16; 22-18)

moss brescia

QUINTETTI

BRESCIA: Vitali, Landry, Moore, Moss, Berggen

CASERTA: Diawara, Putney, Watt, Gaddefors, Giuri

ASSENZE

Per coach Diana si presenta una squadra ancora in condizioni fisiche precarie e Michele Vitali fuori per il resto della stagione; Dell’Agnello deve fare a meno di Bostic e fare i conti con un Cinciarini prossimo all’addio.

STATO DI FORMA

Entrambe le formazioni sono in un periodo di sofferenza: per la Germani sono gli infortuni, l’assenza di un giocatore di rotazione importante come Michele Vitali e allenamenti a ranghi ridotti; per gli ospiti sono le partenze di giocatori come Sosa e prossimamente Cinciarini, con le sirene di mercato attorno a Giuri (Virtus Bologna) e soprattutto voci di stipendi non pagati che hanno creato altissima tensione in un’ambiente già sfiduciato sul campo dai risultati.

LA GARA

Parte male la formazione di casa, che non trova la retina e perde subito palloni importanti; Putney domina sotto i tabelloni ed è lui a guidare la squadra nel 0-7 che apre i conti. Lo 0/6 dal campo nei primi 5′ spinge Diana al timeout, in una prima parte di periodo in cui la Germani appare fredda e sottomessa all’atletismo della coppia di lunghi avversaria: tocca a Moss dare la carica, ma Gaddefors risponde presente per i bianconeri che hanno più energie e corsa da vendere (6-12). Landry dimostra di essere in un periodo davvero buio con un 1/5 dal campo (2/11 di squadra nel primo periodo) che non aiuta e la bomba di Giuri consegna il quarto ai bianconeri che vanno avanti 6-15.

Nel secondo periodo Caserta risponde subito ai primi segni vitali dei biancoblu con Cinciarini e la bomba di Berisha che vale il +12 (10-22); un nuovo minibreak lombardo di 5-0 stavolta vale il timeout di Dell’Agnello che predica concentrazione ai suoi giocatori. Gli ospiti inizialmente reggono il buon momento della Germani, ma qualche pallone perso di troppo e il crescente lavoro difensivo degli avversari rallentano il ritmo bianconero e l’alley-oop di Vitali per Berggen vale il -5 (19-24); inoltre il numero crescente di falli comincia ad essere problematico e Dell’Agnello chiama ancora timeout. In un finale infervorato di errori, sono i liberi di Cinciarini a chiudere un primo tempo a bassissimo punteggio e percentuali (soprattutto dai 6 metri e 75) sul 23-28.

berisha caserta

Al rientro in campo, gli ospiti mettono subito molta aggressività in attacco, ma Moss tiene il passo per i suoi, poi Moore firma il -1 (30-31); il bonus però complica la vita ai padroni di casa, che perdono terreno sotto i colpi di un Berisha partito forte in questo secondo tempo con 8 dei primi 9 punti di squadra (32-37), ma è ancora la bomba di Moss a tenere viva la Germani e Dell’Agnello chiama timeout. I padroni di casa però sono in partita e rispondono colpo su colpo agli avversari, che rimangono avanti sul 42-44 con la schiacciata di Johnson che chiude il terzo quarto.

L’ultimo periodo inizia in favore dei padroni di casa che con i liberi di Landry e la schiacciata di Berggen passano avanti, ma un’inarrestabile Berisha e Putney ribaltano il punteggio per il timeout di coach Diana. La Juve riprende terreno con i liberi di Watt, risponde Burns con la bomba che rimette la partita in discussione; da qui però Brescia costruisce male e con poca convinzione e i liberi permettono agli avversari di respirare e costruire un’importante margine sul 49-56. Nel momento peggiore Landry prova a togliere le castagne dal fuoco, ma la bomba di Berisha protegge ancora il vantaggio bianconero (56-59); l’americano però finalmente è nel vivo della partita e il -1, ma sbaglia il potenziale gioco da tre punti per il pareggio quando manca poco meno di 2′ alla fine. Cinciarini sigla il +3, Landry risponde ancora, poi Cinciarini perde palla, ma Landry fa solo 1/2 dalla lunetta: 61 pari a 45” dal termine. Berisha sbaglia la tripla del vantaggio, non sbaglia Landry la tripla che porta in vantaggio la Germani e fa esplodere il PalaGeorge. Bushati commette fallo su Giuri che fa apposta 1/2 ai liberi, ma sulla carambola non c’è il tiro e Brescia vince 64-62.

SVOLTA DELLA PARTITA

Gli ultimi 3′ sono di Marcus Landry che entra “in-the-zone”: con Brescia sotto di 7, tira fuori 13 degli ultimi 15 punti che ribaltano una partita sofferta per i biancoblu.

MIGLIORI IN CAMPO

BRESCIA: Marcus Landry, 22 punti finali di cui 13 negli ultimi 3′ che valgono oro per la squadra.

CASERTA: Dardan Berisha, prima dei minuti finali di Landry è lui l’autentico MVP della partita con 21 punti (5/8 dall’arco)

PEGGIORI IN CAMPO

BRESCIA: Marco Laganà, solo 4′ per lui

CASERTA: Linton Johnson, solo 7′ in campo

TABELLINI

GERMANI BASKET BRESCIA: Moore 7, Bolis NE, Berggren 6, Burns 10, Vitali L 14, Landry 22, Moss 14, Bushati 5, Nyonse NE, Laganà; RIMBALZI: 29 (Landry 7); ASSIST: 15 (Vitali L 8); T2: 15/29; T3: 7/22; TL: 13/18;

PASTA REGGIA CASERTA: Cinciarini 15, Berisha 21, Johnson, Bostic ne, Diawara 2, Giuri 4, Watt 7, Gaddefors 7, Putney 4, Iavazzi ne, Ventrone, Cefarelli ne; RIMBALZI: 34 (Putney 10); ASSIST: 13 (Giuri 5); T2: 10/27; T3: 8/25; TL: 18/22;

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.