Terzo periodo fatale per Pesaro, Brescia si impone 88-70

Serie A Recap

GERMANI BASKET BRESCIA 88 – 70 VUELLE PESARO

(21-20 / 16-20 / 27-13 / 24-17)  

Quella del PalaGeorge è stata una partita equilibrata per i primi venti minuti, poi nel terzo periodo Brescia piazza il break decisivo con la Vuelle Pesaro che resta annichilita non riuscendo più a rientrare in partita. I lombardi mettono in cassa la vittoria numero 12 della stagione, raggiungendo Avellino in testa alla classifica del campionato; mentre per Pesaro è la 12esima sconfitta in stagione. Per i locali sono da segnalare le prestazioni di Lee Moore con 21 punti e 8 rimbalzi e Marcus Landry con 15 punti; mentre per Pesaro è solo Dallas Moore l’unico da poter salvare: 27 punti con 11/16 al tiro.

Partenza con mani molto calde in entrambi i lati del campo, con Brescia che va a segno subito con quattro quinti del quintetto, mentre Pesaro trova canestri importanti da dietro l’arco in successione con Little, Bertone e Omogbo e la bimane di Mika (8-11). Un primo quarto con un ritmo molto alto dove le due squadre che si rispondono colpo su colpo; con anche i due playmaker che si iscrivono a referto: prima Vitali e poi Moore, per mantenere un possesso pieno di vantaggio per Pesaro. Coach Leka protesta troppo e viene punito con un tecnico; la cosa non fa bene ai suoi ragazzi che subiscono un parziale di 7-0 nel segno di Moss e Landry che prima alza per Hunt e poi realizza. I primi 10′ si chiudono sul 21-20 in favore degli uomini di coach Diana.
Si alza l’intensità difensiva in entrambe le metà campo, con le percentuali che inevitabilmente scendono. Dallas Moore pareggia la gara a quota 25, a cui segue il coast to coast di Mika chiuso con un canestro e fallo che regala il +3 ai marchigiani. Pesaro rallenta in attacco, complici anche un paio di palle perse in ripetizione e scelte di tiro discutibili, ma la Leonessa non riesce ad approfittarne complice una buona difesa ospite. Dopo una lunga sosta per problemi al cronometro dei 24 secondi, Pesaro prova una mini fuga, subito interrotta da un contro-parziale dei locali per chiudere il primo tempo sul 37-40, con la tripla di Dallas Moore sulla sirena che raggiunge quota 13 punti.

Brutte rotazioni difensive pesaresi nei primi due possessi del quarto che regalano punti facili a Moss e Hunt, con Brescia che mette a segno un mini parziale di 6-0; interrotto dai canestri di Omogbo e Moore per il nuovo +1. Brescia prova ad alzare il ritmo e continua a trovare agilmente il fondo della retina con i suoi uomini di punta quali Vitali, Moore e Landry; mentre la Vuelle rimane a secco per quasi 3′ fino a che Moore non segna la terza tripla della sua serata (55-47). Pesaro prova a reagire con Omogbo e Ancellotti, ma Landry con due triple ricaccia la Vuelle sotto di 11. 64-53 al termine del terzo periodo.
Il quarto periodo si apre nel segno di Lee Moore e della troppa foga dell’attacco pesarese che non riesce a reagire dopo il grande break di fine terzo quarto messo a segno dalla Germani; coach Leka si vede obbligato a fermare la partita perché i padroni di casa sono scappati sul +17.  Dallas Moore sembra solo sull’isola, come spesso accade in casa Vuelle, e continua a segnare arrivando a quota 24; ma uno contro una Leonessa che muove bene palla in attacco è è impossibile rientrare in partita (72-58 al 35′). Gli ultimi cinque minuti del match si giocano per dovere di cronaca con Brescia che aumenta il proprio bottino e molti giocatori provano a migliorare il proprio tabellino. Un terzo periodo perfetto ed un dominio dei tabelloni (42-21 il conto dei rimbalzi) hanno permesso a Brescia di portare a casa la partita per 88-70.

TABELLINI:

BRESCIA: Moore 21; Hunt 13; L. Vitali 9; Landry 15; Ortner 2; Traini 0; M. Vitali 10; Moss 8; Sacchetti 10; Bushati 0; Mastellari 0. All. Andrea Diana

PESARO: Omogbo 11; Ceron 2; Mika 5; Moore 27; Ancellotti 2; Bertone 11; Monaldi 4; Little 8; Serpilli N.E.; Bocconcelli N.E.. All. Spiro Leka

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.