Brescia sciupa troppo, Cremona rimonta di forza e vince il derby lombardo in volata

Home Serie A Recap

Pallacanestro Brescia – Vanoli Cremona 85-89

(33-21; 21-23; 17-18; 14-27)

Nel posticipo serale è Cremona a prendersi il derby lombardo in casa di Brescia in una partita in cui gli ospiti han fatto di tutto, nonostante anche i larghi svantaggi, per restare in gara e prendersi la partita: Brescia infatti ha trovato per ben due volte il massimo vantaggio sul +18, ma la Vanoli ha sempre trovato la forza di rimontare e ha trovato in TJ Williams e Cournooh le chiavi per ribaltare i conti nella volata finale

La gara è intensa sin dalle prime battute con entrambe le compagini che esprimono una pallacanestro fluida ed efficiente: i padroni di casa trovano in Crawford e Cline le chiavi per scardinare la difesa avversaria, mentre Mian si fa notare tra le file di Cremona; tocca a Chery spezzare l’equilibrio dei primi 5′ con le zampante del 17-11 che spingono Galbiati al timeout. Gli ospiti cercano di tenere il passo, ma Kalinoski rilancia le ambizioni biancoblu oltre la doppia cifra e, con il supporto pesante di Ristic nei pressi del ferro, Brescia suggella un primo quarto ad alto ritmo sul 33-21. La Vanoli ancora non riesce a ribaltare i conti in un avvio di secondo quarto calante nel ritmo e Bortolani allarga il divario con un paio di bombe (42-25); Cournooh prova a dare la scossa per i suoi su ambo i lati del campo, approfittando del calo di percentuali della Leonessa, e la truppa di Galbiati si rimette prepotentemente in corsa con un 14-0 di parziale. Nel momento più sfavorevole del primo tempo, Moss e Kalinoski provano a far respirare i padroni di casa, ma Cremona cerca di restare ancora lì con TJ Williams per il 54-44 che chiude la prima frazione.

La sfida riprende con Cremona che prova a ricucire il divario con i viaggi in lunetta, ma due bombe di Chery ricacciano indietro gli avversari per il 63-49 che spinge Galbiati a fermare nuovamente la partita; stavolta mancano i canestri dai terminali offensivi della Vanoli e Brescia ritocca il divario a 18 lunghezze. Hommes prova ad accendere la luce con le sue bombe, ma è Poeta a dettare i ritmi dell’attacco cremonese e a riscrivere il nuovo controparziale di 10-0 che prova a ridare fiducia e prima del quarto finale il tabellone recita 71-62. Le sorti della gara restano ancora indecise sul divario di circa 10 punti che divide le squadre, che si rispondono colpo su colpo senza mai affondare per chiudere o reagire; TJ Williams e Hommes provano a rompere gli equilibri della frazione, con il play ex-Hapoel Beer Sheva che sigla il 78-75 per il timeout di Buscaglia con 4′ e mezzo sul cronometro. Ora la gara è completamente riaperta con TJ Williams inarrestabile che pareggia e Cournooh pesca una tripla pesantissima per l’81-84; Ristic firma il -1, Cournooh non trema per il nuovo +3, Kalinoski risponde e Cournooh fa solo 1/2 dalla lunetta. Chery affretta per il tiro decisivo e sbaglia, così tocca a Hommes suggellare la vittoria sudata, ma voluta e meritata, per Cremona per 85-89.

 

BRESCIA: Bertini ne, Cline 5, Vitali 1, Parrillo ne, Chery 15, Bortolani 6, Ristic 23, Crawford 12, Kalinoski 12, Moss 3, Sacchetti 8, Ancellotti ne

CREMONA: TJ Williams 17, Trunic ne, J. Williams 7, Poeta 7, Mian 6, Lee 8, Cournooh 19, Palmi 5, Hommes 20, Donda ne

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.