Brivido Venezia: subisce la rimonta del Bahçesehir ma la spunta all’overtime

Coppe Europee Eurocup

REYER VENEZIA-BAHCESEHIR 88-82 (d. t. s.)

(20-23, 22-14, 24-24, 12-18, 10-4)

Venezia torna a vincere anche in EuroCup, dopo 45′ di battaglia contro il Bahçesehir, immeritatamente ultimo nel girone per quanto visto in campo. È stata una partita brutta ma molto intensa, dove a fare la differenza sono stati i rimbalzi offensivi della Reyer (17-2 il conto finale), capaci di coprire le basse percentuali al tiro, soprattutto da 3. Per il resto l’attacco non ha funzionato molto, ma è stato compensato da una difesa con i fiocchi, che ha respinto il tentativo di rimonta finale dei turchi, messa in campo da De Raffaele. Si vede una diversa distribuzione dei punti, con cinque uomini orogranata in doppia cifra e 41 punti della coppia Perez-Green per i viaggianti.

I primi 5′ sono tutti per gli ospiti, che spinti dai canestri di Erick Green (tre triple in sequenza) e da Oncel scappano subito sul +11. La Reyer esce bene dal time-out e prova a reagire con Tonut, il quale scrive -4 insieme a Stone, entrato molto bene in partita. I turchi, però, riescono a scappare di nuovo con 5 punti di Akpinar, al quale rispondono Bramos da fuori e Stone, con l’aiuto del ferro. Il primo quarto finisce 20-23. Venezia inizia bene il secondo periodo, ma poi inizia a fare un po’ di confusione sia in attacco sia in difesa, dove soffre le penetrazioni di Perez. Il Bahçesehir tocca il +6, prima di subire un lungo parziale aperto ancora da Stone che lancia gli orogranata al primo vantaggio della partita. Ci vuole un 13-0 per far sì che gli ospiti muovano il loro score, ma la difesa di Venezia si chiude alla grande e non lascia realizzare alcun canestro dal campo ai biancorossi. A metà gara, il parziale recita 42-36.

Dopo l’intervallo nulla sembra cambiato: i turchi perdono 4 palle in 100″, mentre Venezia segna e tocca il +15 con Fotu e Watt. L’inerzia sembra girare quando Perez “ruba” un fallo in attacco a Casarin, e sembra che la squadra di Aktas abbia improvvisamente ripreso energie. Tuttavia, Stone e co. impiegano poco a tornare con la testa nella partita e a +9 nel punteggio con due triple di Mazzola, protagonista inatteso della contesa. Ci vuole una magia di Green per tenere a galla il Bahçesehir, e chiudere la terza frazione di gioco sul 66-60. Ad inizio dell’ultimo quarto non c’è molta voglia di difendere, e infatti si segna con continuità. I biancorossi non vogliono mollare e riescono a rimanere a contatto, poi la schiacciata del -2 di Owens apre la strada a un finale in volata. Si difende durissimo e si segna solo dalla lunetta, anzi negli ultimi due minuti non si segna proprio. I tentativi di Green e Tonut si spengono sul ferro, e chiudono i tempi regolamentari sul 78-78. Si continua senza segnare finchè il coach ospite si fa fischiare un tecnico, e nell’azione seguente l’ennesimo extrapossesso orogranata porta al canestro di Fotu. Venezia accumula due possessi di vantaggio, ma il solito Green tiene i suoi in vita. Il sigillo porta la firma di De Nicolao, autore della tripla del +6 che chiude i conti e fissa il risultato finale sul punteggio di 88-82.

Venezia: Casarin 1, Stone 14, Bramos 15, Tonut 7, De Nicola 3, Vidmar 2, Chappell 10, Mazzola 9, D’Ercole ne, Cerella 2, Fotu 14, Watt 11. All: Walter De Raffaele

Bahçesehir: Jones 5, Perez 19, Akpinar 9, Ozdemir 7, Oncel 2, Green 22, Kilicli 2, Yildizli 6, Akyazili, Owens 8, Alredge, Yilmaz 2. All: Zafer Aktas

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.