BU Awards: Defensive Player of the Year

Focus Home NBA Rubriche

Dopo la carrellata di premi (MVP, ROY, Sesto Uomo dell’Anno e COY), siamo giunti agli ultimi due: Defensive Player of the Year e Most Improved Player. Oggi il responso della redazione sul primo, con una vittoria schiacciante confermata anche dal voto “popolare”: quello dei fans.

 

Il DPOTY secondo Alberto Ciardi: Andrew Bogut

Ho deciso di premiare quello che a mio parere nella grande stagione dei Warriors ha avuto maggior impatto a livello difensivo: Andrew Bogut. Il 7 piedi centro della squadra con il miglior record al termine della regular season passa tante volte inosservato durante la partita, e certo non è uno dei giocatori più eleganti da veder giocare, ma poco importa: il suo è un lavoro fatto di difese rocciose in post, tagliafuori, rimbalzi, stoppate e rotazioni difensive, tutti elementi che lo rendono il perfetto leader difensivo nel contesto di Golden State. Per lui parlano anche i numeri: 95,2 punti subiti dalla squadra per 100 possessi (secondo per efficienza difensiva nell’intera lega), 6 sconfitte maturate dalla squadra di Oakland nelle 15 partite disputate durante la sua assenza, quando scende in campo invece il record dei Warriors è 58 vinte e 9 perse. In alcuni tratti della partita quando Bogut è sul parquet i vari Curry o Thompson possono permettersi di rifiatare in difesa per rendere al meglio in attacco, i suoi compagni lo sanno e per questo lo elogiano: “Quando Andrew è in campo per noi diventa tutto più facile”.

2° classificato: Kawhi Leonard

3° classificato: Draymond Green

 

Il DPOTY secondo Lorenzo Simonazzi: Draymond Green

Negli anni passati questo premio, è diventato pressoché esclusiva dei lunghi, intimidatori e macchine da rimbalzo, oppure come riconoscimento alla miglior difesa della NBA, scegliendo sempre il centro titolare. Secondo il mio punto di vista invece, andrebbe premiato chi è in grado di fermare qualsiasi giocatore avversario, che sia un playmaker o che sia un centro. Per questo il mio DPOY è Draymond Green. Senza alcun dubbio la vera rivelazione di questa stagione, nonché arma tattica fondamentale nello scacchiere di Steve Kerr. Il prodotto di Michigan State ha dimostrato di saper difendere contro tutti, senza mai andare in sofferenza grazie ad una energia inesauribile ed ad una fisicità dirompente. I numeri sono lì a sostenere la sua candidatura: 96.8 come Defensive Rating, ovvero quanti punti concedono i suoi Warriors con lui in campo; 3° in questa speciale classifica (2° è il suo compagno Bogut) e 5.2 come Defensive Win Shares, ovvero il numero di vittorie che garantisce Green grazie alla sua difesa; 2° dietro a DeAndre Jordan. Last but not least, in questa stagione ha ottenuto i suoi personali career high alla voce rimbalzi (8.2), palle rubate (1.6) e stoppate (1.3). Se Golden State è la miglior difesa della NBA, buona parte di questi meriti sono dovuti al #23.

2° classificato: Kawhi Leonard

3° classificato: Rudy Gobert

 

Il DPOTY secondo Francesco Manelli: Draymond Green

Draymond Green potrebbe essere benissimo sia il Miglior Difensore dell’anno che il giocatore più migliorato. Quando Green è in campo, gli Warriors subiscono 8 punti in meno su 100 possessi rispetto a quando è in panchina, può cambiare su qualunque giocatore, che sia in post o sul perimetro; gli Warriors sono indubbiamente la miglior difesa della Lega e Green è il loro miglior difensore, nonostante la presenza di un rim protector come Andrew Bogut. La versatilità e la tenacia che il numero 23 porta in dote ai suoi è incredibile, personalmente penso che più che Curry o Thompson, sia Green il motivo per cui Golden State è la squadra numero uno della Lega al momento, la sua crescita è stata spaventosa ed al momento non esiste nella NBA un giocatore come lui, capace di marcare da Chris Paul a Blake Griffin, da Lillard ad Aldridge, senza mai andare sotto con nessuno.

2° classificato: Rudy Gobert

3° classificato: Kawhi Leonard

 

Il DPOTY secondo i fans: Draymond Green

Anche nel sondaggio ha vinto Draymond Green, dopo un testa-a-testa a tre con DeAndre Jordan e Kawhi Leonard. Poco più staccato Anthony Davis, primo per stoppate di media in stagione.

Cattura

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.