Byron Scott sulla corsa all’MVP: “Dovrebbe esserci anche il nome di Kobe”

Home NBA News

Stephen Curry, James Harden, Russell Westbrook, Chris Paul, Anthony Davis, Lebron James. Se uno di questi vincesse l’MVP probabilmente non si potrebbe gridare allo scandalo, perché la corsa al trofeo è stata raramente così affollata ed equilibrata. Ognuno ha i propri punti a favore: Curry il miglior record di squadra, Harden la posizione in classifica giocando quasi da solo, Davis dei numeri pazzeschi al terzo anno in NBA e via discorrendo.

Mentre questi sei si danno battaglia, con Curry ed Harden visibilmente favoriti, Kobe Bryant è ai box con l’ennesimo infortunio della sua storia recente: il Black Mamba è KO da poco prima dell’All Star Break con un problema alla spalla e tornerà la prossima stagione, dopo aver disputato appena 35 partite in questa con 22.3 punti, 5.7 rimbalzi e 5.6 assist di media, tirando però col 37% dal campo e il 29% da tre punti.

Complice il roster assolutamente al di sotto della media NBA, i Los Angeles Lakers, con o senza Kobe, sono penultimi nella Western Conference con un record di 20-56, reduci dall’ennesimo “derby” di LA perso contro i cugini dei Clippers. Byron Scott, interrogato sulla corsa all’MVP, ha osato (e “osare” in questo caso è il verbo giusto…) rispondere in questo modo:

Non si è capito bene il motivo di questa affermazione, l’1 Aprile è passato ormai da qualche giorno, ma ovviamente ha scatenato l’ilarità degli appassionati e probabilmente anche quella, amara, dei tifosi giallo-viola, che in una stagione disastrosa come questa devono sorbirsi questi commenti.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.