Cantù domina nettamente a Cremona e batte una brutta Vanoli

Home Serie A Recap

VANOLI CREMONA 54-78 ACQUA SAN BERNARDO CANTÙ 

(14-29, 19-20, 14-9, 7-20)

Pancotto torna a Cremona tre anni dopo l’esonero e, dopo la doverosa standing ovation tributatagli dal pubblico cremonese, conquista una vittoria netta e dominante contro una Vanoli mai così in difficoltà nell’era Sacchetti. I lunghi canturini fanno il bello e il cattivo tempo (Wilson 21 con 8 rimbalzi, altrettanti per Hayes che verga anche 5 stoppate) e la difesa brianzola stritola l’attacco di Cremona (27% al tiro, 3/20 da tre e solo Saunders segna più di 10 punti). In più per la Vanoli la tegola dell’infortunio di Travis Diener, del quale si valuterà l’entità in settimana.

Inizio perfetto per Cantù che segna 14 punti in poco meno di due tre minuti, cavalcando molto Clark, Hayes e Wilson. Cremona invece trova con difficoltà la via del canestro e il parziale ospite aumenta fino al +15 (8-23). Uno squillo di De Vico prova a riaccendere la Vanoli che torna sotto la doppia cifra di svantaggio con un parziale di 6-0 ma è un fuoco di paglia perchè Cantù chiude il primo quarto avanti 14-29. L’inerzia è tutta canturina, anche dopo due triple consecutive (ma anche estemporanee a livello di gioco) di Diener, perchè difensivamente la squadra di coach Pancotto, ex di questa partita, fa un ottimo lavoro. Sul +16 un timeout di coach Sacchetti fa tornare in campo una Cremona rinvigorita, soprattutto difensivamente, e con un parziale di 8-0 prova a rifarsi sotto ma poi due triple sulla sirena di Collins e La Torre la ricacciano indietro e i punti di distacco al riposo restano 16 (33-49).

Al rientro in campo Hayes è in panchina per un infortunio subito a fine secondo quarto e Cremona ne approfitta subito per segnare sei punti in area, prima chiusa anche dalle due stoppate del centro americano (saranno 6 a fine partita). Pancotto chiama timeout ed Hayes rientra in campo, Wilson torna a martellare da tre mentre la Vanoli dall’arco continua a tirare male. Almeno difensivamente Cremona è una squadra diversa e 8 punti nel quarto di Saunders (comunque ben marcato da Pecchia) la riavvicinano fino al -11 (47-58) con cui inizia il quarto quarto. Subito a inizio periodo Travis Diener gela il PalaRadi cadendo a terra a gioco fermo facendosi male e uscendo dal campo. Da qui in poi tutta la spinta residua che poteva avere Cremona si esaurisce e Cantù può controllare agilmente raggiungendo anche il massimo vantaggio sul +26 e vincendo una partita fondamentale in ottica salvezza.

Cremona: Saunders 15, Mathews 3, Sanguinetti NE, Gazzotti 4, Diener 6, Ruzzier, Sobin 10, De Vico 3, Tiby, Stojanovic 5, Palmi 2, Akele 6.

Cantù: Young 11, Collins 8, Procida, Clark 13, La Torre 3, Hayes 10, Wilson 21, Burnell 7, Baparapè, Simioni, Rodriguez, Pecchia 5.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.