Cantù dura un tempo ma le triple di Rodriguez e la difesa dell’Olimpia regalano il derby a Milano

Home Serie A Recap

Acqua S.Bernardo Cantù – Olimpia A|X Armani Exchange Milano 71-89

(24-20; 20-23; 14-30; 13-16)

Milano vince il derby del PalaDesio contro Cantù grazie a un ottimo secondo tempo e alle triple di Sergio Rodriguez, che chiude con 24 punti, frutto di un eccellente 8/10 dalla lunga distanza. Ai biancoblu non sono bastati i 18 punti di Jaime Smith, senza dimenticare però che i brianzoli non giocavano da un mese a causa delle tante positività al Covid-19 che non hanno permesso loro di allenarsi.

Eccellente inizio su ambo le metà campo per i padroni di casa che sono sopra 17 a 6 al giro di boa della frazione con un ottimo Andrea Pecchia. I meneghini naturalmente non sono venuti a Desio per fare da sparring partner e rientrare a contatto alzando i giri in difesa e facendo canestro con i due lunghi di riferimento: Kyle Hines e Zach LeDay. In qualche modo l’Acqua S.Bernardo riesce a non dilapidare completamente il vantaggio ed è sopra 24 a 20 al 10′, grazie a un super crossover quasi sulla sirena di Jazz Johnson nei confronti del rientrante Kevin Punter.
Il secondo quarto è molto più equilibrato perché gli ospiti ci impiegano un amen per rientrare in partita e provano a scappare con le triple di Sergio Rodriguez (15 punti all’intervallo lungo con 5/6 dalla lunga distanza). Leunen e compagni non hanno la minima idea di permettere ai “cugini” di andarsene e rimettono la testa davanti grazie ai tanti assist del #10 e ai canestri di pura voglia di Sha’markus Kennedy e Jazz Johnson. Proprio il #22 dei canturini realizza l’ultimo canestro del tempo: 44 a 43 Cantù al suono della seconda sirena.

L’Armani Exchange entra con un piglio diverso nel corso del quarto periodo, innestando subito la quarta marcia, guidata da una proverbiale difesa, oltre che dalle solite bombe dello spagnolo con il 13 sulle spalle. Jaime Smith cerca di tenere in piedi la baracca canturina ma i colpi biancorossi sono impossibili da fermare. A incidere sul parziale di 30 a 14 in favore dell’A|X ci sono anche le percentuali dell’Acqua S.Bernardo che sono calate drasticamente, specialmente per quanto riguarda i tiri da oltre l’arco. All’ultimo intervallo obbligatorio l’Olimpia è sopra di 15 lunghezze: 58 a 73.
Gli ultimi dieci minuti assomigliano moltissimo a un allenamento perché entrambe le squadre sanno che alla fine i due punti se li porterà a casa Milano, cosa che accade con il punteggio finale di 89 a 71 in favore dell’Olimpia.

Cantù: Smith 18, Kennedy 9, Pecchia 8, Procida 0, Woodard 6, Baparapé NE, Thomas 3, Leunen 9, Lanzi NE, Johnson 12, La Torre 0, Bayehe 6. All. Cesare Pancotto.

Milano: Cinciarini 4, Biligha 6, Moretti 0, LeDay 12+12r, Moraschini 2, Rodriguez 24, Punter 2, Brooks 5, Hines 14, Shields 13, Micov 7, Datome NE. All. Ettore Messina.

Qui trovate le statistiche complete della gara.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.