Cantù, parla Dmitry Gerasimenko: “Vendo solo a chi dà garanzie per la squadra. In Brianza poche brave persone”

Home Serie A News

Per la prima volta in molto tempo, è Dmitry Gerasimenko a parlare direttamente: il patron canturino, che pare stia facendo resistenza nella trattativa per la cessione del club alla cordata americana, ha parlato di diversi argomenti al Corriere di Como, concentrandosi soprattutto sull’affare che dovrebbe portare al cambio di proprietà della squadra e che sta mettendo a repentaglio il futuro della formazione biancoblu.

Sull’offerta di TIC, Tutti Insieme Cantù:

Mi hanno offerto zero euro per le quote del club e 400.000 euro per il palazzetto, da pagare in 8 anni. La struttura non mi ha convinto e ho rifiutato. Voglio cedere a chi ha soldi, capacità progettuale, rispetto per la storia e la capacità di mantenere gli accordi con le dovute garanzie.

Sull’offerta svizzera:

Non ho raccolto informazioni su questo gruppo, mi hanno offerto 300.000 euro per il palazzetto. Gli ho chiesto perché volessero acquistare la società, su quali basi, e se fossero capaci di guidarla senza esperienza nel campo. Per il palazzetto ho speso una cifra ben più alta. Per la gestione non mi sembra abbiano esperienza e mi chiedo come possano far crescere il club.

Sulle basi della cessione:

Se ci sono dei soldi, che vengano messi sul tavolo. Non per me, ma per il club. Voglio garanzie per il futuro, anche regalando la società, ma non voglio che poi tutto vada a finire male. Chiedo rispetto anche per il progetto del palazzetto, che deve andare avanti.

Sul rapporto col territorio brianzolo:

La Brianza non mi è stata molto vicina, purtroppo, a parte qualche gentiluomo che mi ha dato una mano. Poche brave persone. Per il resto ho avuto soprattutto richieste di biglietti gratuiti per seguire le partite nei settori più prestigiosi del PalaDesio.

Sull’addio di Pashutin:

Ho preso atto della sua decisione. Cosa potevo fare? Eppure ho letto che è stata colpa mia.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.