Capo D’Orlando espugna Roma e blocca il tentativo di fuga della Virtus

Serie A2 Recap

VIRTUS ROMA – BENFAPP CAPO D’ORLANDO 73-74

(16-10; 18-27; 25-15; 14-22)

Dopo una partita emozionante, caratterizzata da strappi parziali, la Benfapp Capo d’Orlando riesce a espugnare il PalaLottomatica e impedendo il tentativo di fuga alla Virtus Roma, dopo la sconfitta di Rieti. Protagonisti i soliti Triche e Parks, autori di 40 punti in due, ma merita una menzione speciale Lucarelli, autore di 14 punti con 4/4 dall’arco. Roma paga una scarsa mira dalla lunetta (12/22), e l’incapacità di gestire un buon vantaggio negli ultimi minuti di gara, in cui con un parziale di 8-0 gli ospiti si sono riportati avanti.

Partenza rallentata per entrambe le formazioni che faticano a trovare il ferro ed attaccano a ritmi lenti. Sims e Chessa lanciano Roma ma Bruttini risponde immediatamente. Landi piazza la tripla del +5, Parks però rimette tutto in gioco. Santiangeli allo scadere del primo quarto firma il 16-10 dai 6,75. Lucarelli alza i ritmi della Benfapp dall’arco che trova il contributo di Parks nel pitturato. Saccaggi va a segno ma la Virtus non trova fluidità in attacco. Bruttini sigla la parità e l’Orlandina è brava a non far fuggire Moore. Triche piazza il primo vantaggio dei suoi (29-31) e le squadre continuano a scambiarsi lo scettro del match con le triple di Parks, Baldasso e Triche a sancire il 34-37 di metà gara. L’inizio di secondo tempo è un incubo per Capo che, oltre a non trovare la via del canestro per 5′, subisce un parziale di 12-0 firmato dal duo Sims – Moore (due triple per quest’ultimo) che porta i capitolini sul +9. Gli ospiti non vogliono uscire dalla partita e si aggrappano a Triche (12 punti nel terzo periodo con 6/6 ai liberi) che con la tripla riporta il punteggio in parità a quota 52. La Virtus riesce a riprendersi dalla botta subita, e grazie a un 4/4 ai liberi e alla tripla di Chessa termina in vantaggio il terzo quarto sul 59-52. La posta in palio è alta e si segna col contagocce: Laganà segna dall’arco, ma Santiangeli restituisce il “favore” e il distacco a 5′ dal termine è sempre di 7 punti. La svolta del match si ha quando l’Orlandina piazza un parziale di 8-0 con le triple di Parks e Lucarelli, con cui gli ospiti rimettono la testa avanti a 2′ dal termine. Dopo il libero di Landi, sul 70-70 Laganà sembra dare la vittoria ai suoi dai 6,75, ma Chessa risponde e impatta nuovamente con 14″ da giocare. Triche in penetrazione subisce fallo, e nonostante il suo 1/2 dalla lunetta, Capo d’Orlando vince 73-74 perché la tripla di Baldasso sulla sirena si infrange sul ferro.

 

VIRTUS ROMA: Sims 14; Baldasso 8; Moore 18; Santiangeli 11; Landi 7; Chessa 9; Alibegovic 0; Prandin 1; Saccaggi 5. Coach Piero Bucchi

BENFAPP CAPO D’ORLANDO: Parks 19; Bruttini 12; Lucarelli 14; Mobio 0; Triche 21; Murabito ne; Mei 0; Laganà 6; Bellan 2. Coach Marco Sodini

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.