Capo d’Orlando fa il colpaccio e batte Torino a domicilio

Serie A2 Recap

REALE MUTUA BASKET TORINO – ORLANDINA BASKET 81-85

(19-23, 15-24, 28-16, 19-22)

Coach Cavina schiera dal primo minuto Cappelletti, Marks, Toscano, Pinkins e Diop, mentre il quintetto di coach Sodini è composto da Johnson, Laganà, Bellan, Kinsey e Lucarelli.

La Reale Mutua parte bene nella metà campo difensiva, rubando due palloni consecutivi ai siciliani senza però riuscire a trasformarli in punti. A sbloccare il match ci pensano Pinkins e Kinsey, con due tiri dalla media che vano a bersaglio. Cappelletti e Laganà bucano le difese avversarie in penetrazione, Capo d’Orlando va ancora a segno da distanza ravvicinata ma è Torino a portarsi avanti grazie a due triple di Marks che costringono coach Sodini al timeout. I padroni di casa sbagliano a ripetizione dalla lunetta e allora l’Orlandina ne approfitta per riportarsi in parità grazie a Laganà. La difesa a zona proposta dai ragazzi di Sodini ha gli effetti sperati, Torino non riesce a trovare le contromisure e sfruttando un’ingenuità dei gialloblu i siciliani vincono il primo quarto 19-23.
La seconda frazione inizia ancora in positivo per gli ospiti. Cavina richiama i suoi in panchina per parlarci su, ma Torino non riesce ad entrare a pieno nel ritmo del match e l’Orlandina continua a mantenere l’iniziativa, allungando anche sul +8 (23-31). Diop tiene viva la Reale Mutua nel pitturato, Lucarelli la ricaccia indietro con una tripla e Bellan firma il +9 in contropiede. Laganà completa un 2+1 forzando il terzo fallo di Diop, che sul rovesciamento di fronte serve a Pinkins l’assist per il 29-39. E’ ancora l’americano a segnare nel traffico e a riportare Torino sotto la doppia cifra di svantaggio, prima dei canestri di Lucarelli che determinano il 31-43. Nel finale di quarto sono ancora i siciliani a prevalere e a piazzare i colpi che valgono il 34-47 dell’intervallo.

Ad aprire la seconda metà di gara è Pinkins, che nel pitturato buca la zona siciliana. Johnson risponde prontamente ma è ancora Torino ad essere più in ritmo e ad andare a segno dopo un grande assist dietro la testa di Cappelletti. La difesa gialloblu si fa sorprendere da Laganà che firma il 40-51, Pinkins fa 2/2 dalla lunetta dopo aver costretto Johnson al quarto fallo e Mobio riporta l’Orlandina sulla doppia cifra di vantaggio. Si sblocca anche Alibegovic che con una tripla si iscrive nel tabellino ma la squadra di coach Cavina non riesce mai ad abbinare una buona difesa ad un buon attacco e i siciliani si mantengono così a distanza. La tripla di Pinkins vale il -7, la schiacciata di Diop il 51-56 e coach Sodini è costretto al timeout prima che i torinesi riaprano definitivamente il match. Capo d’Orlando esce bene dalla sospensione e mette subito fine al parziale di Torino con un piazzato di Mobio. Diop si carica sulle spalle la Reale Mutua e vola ancora in contropiede a schiacciare, ma Kinsey ha la risposta pronta e segna la tripla del 55-61. La schiacciata di Donda dimenticato in mezzo all’area tranquillizza l’Orlandina che però lascia libero in angolo Diop nell’azione conclusiva e viene punita da una tripla del lungo della Reale Mutua, vero autore della rimonta torinese fino al 62-63 del trentesimo.
E’ ancora il centro proveniente da Sassari a regalare il vantaggio a Torino con la schiacciata che apre il quarto quarto. La difesa dei padroni di casa sale di tono, l’Orlandina sfiora i 24″ e i contropiedi propiziati da Cappelletti portano la Reale Mutua sul 70-65. Mobio va a segno da dietro l’arco, Alibegovic in penetrazione e Cappelletti regala 4 punti ai siciliani commettendo fallo sul tiro da tre di Kinsey. Johnson e Toscano commettono il quinto fallo e sono costretti a lasciare il parquet a cinque minuti dal termine, quando Kinsey e Querci riportano avanti Capo d’Orlando con due triple. Cappelletti firma il -1 prima di uscire per un infortunio alla caviglia, ma è Traini a rubare il pallone e a correre in contropiede per il 78-77. Kinsey dalla lunetta non trema e fa +1, Diop fa lo stesso nell’altro canestro mentre a 48″ dal termine Querci viene pescato da dietro l’arco e firma l’80-82. Alibegovic è fortunato perchè la sua conclusione sbagliata termina nelle mani di Diop, che dalla lunetta fa 1/2. Laganà risponde con un 2/2 a 17″ dalla fine, la tripla di Traini viene sputata dal ferro e Capo d’Orlando vince 81-85.

 

TABELLINO

Reale Mutua: Alibegovic 5, Marks 13, Cappelletti 13, Cassar NE, Campani, Ianuale NE, Pinkins 24, Toscano, Castellino NE, Reggiani NE, Traini 2, Diop 24. All. Cavina. Ass. Iacozza, Spanu

Orlandina: Galipò 2, Johnson 6, Mobio 10, Querci 9, Ani, Laganà 18, Bellan 6, Kinsey 16, Donda 4, Lucarelli 14. All. Sodini. Ass. Sussi, Angori.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.