Orlandina

La storia si infrange sul ferro: Capo D’Orlando non riesce nella rimonta e concede la vittoria al PAOK

Coppe Europee Champions League Home

SIKELIARCHIVI CAPO D’ORLANDO – PAOK SALONICCO 58-63
(7-18/12-14/19-17/20-14)

Non riesce a sbloccarsi in Europa Capo D’Orlando, che perde per la terza nel torneo continentale. Una sconfitta dolce-amara, perché arrivata dopo un ottima spinta offensiva contro un team esperto come il PAOK Salonicco, alla prima vittoria. Fenomenale l’apporto di Lucky Jones per i greci (doppia doppia da 17+11 r.); grande prova di Wojciechowski e Kulboka per i siciliani.

Partenza sprint degli ospiti che già nei primi minuti volano sul +8. I siciliani sono sfortunati al tiro, vanno a segno principalmente dalla linea di carità e subiscono tanto la fisicità degli avversari nel pitturato nella prima parte di gara. Il PAOK, al contrario, approfitta e riesce ad costruire un buon parziale anche nel finale, chiudendo in doppia cifra di vantaggio al decimo (7-18). I greci cercano di staccarsi in maniera decisa anche nella seconda frazione, trovando però una buonissima risposta da parte dei padroni di casa. Il lavoro dell’Orlandina è soprattutto in una difesa, solida, che provoca tante palle perse agli ospiti. Wojciechowski in solitaria firma un -6 che fa ben sperare; ma i timeout di coach Papatheodorou motivano il PAOK, che esce bene dal momentaccio offensivo con Jones, Krubaly e capitan Margaritis, che sancisce l’8-0 di break alla sirena del primo tempo (19-32).

Al giro di boa Capo D’Orlando torna nel rettangolo di gioco molto più convinta e cattiva: il 6-0 iniziale riavvicina i ragazzi di Di Carlo. Gli ellenici rispondono a tono, ma la situazione sembra invertita e ora è la Sikeliarchivi ad avere il pallino del gioco in mano. Jones però è un mastino e le distanze non riescono a variare. Ci prova anche Wojciechowski oltre Edwards, ma poco possono contro le triple avversarie che allungano ancora la già distante differenza (36-49). L’ultimo quarto è “dentro o fuori” per i padroni di casa, che non vogliono assolutamente concedere la prima vittoria agli ospiti. Klaseen e Jones sono gli unici bianconeri a segnare nella prima parte di frazione: l’Orlandina infatti scappa, trascinata dall’entusiasmo e da una lucidità offensiva pazzesca. La squadra va in mano a Kulboka che, insieme ad Edwards e Ikovlev, portano quasi al solo possesso di differenza le due contendenti. PAOK si perde e, a meno di 60” dalla fine, il giovane lituano riaccende le speranze paladine; le possibilità di pareggio però si infrangono nei ferri del PalaFantozzi. I greci approfittano del bonus e della retta via persa dai siculi per incrementare il loro vantaggio e, alla sirena, riescono nel colpaccio esterno (58-63)

SIKELIARCHIVI CAPO D’ORLANDO: Galipò NE, Alibegovic 3, Ihring 2, Atsur 3, Kulboka 15, Laganà NE, Strautins 0, Delas 5, Edwards 11, Wojciechowski 12, Ikovlev 7

PAOK SALONICCO: Dillard 4, Klassen 10, Chrysikopoulos 3, Krubally 4, Koniaris 10, Karras 0, Tsochlas NE, Margaritis 12, Zaras NE, Katsivelis 3, Jones 17, Triche 0

  •  
  •  
  •  

1 thought on “La storia si infrange sul ferro: Capo D’Orlando non riesce nella rimonta e concede la vittoria al PAOK

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.