Cesare Pancotto: “I problemi del basket di oggi nascono negli anni Novanta”

Home Serie A News

L’allenatore di Cantù, Cesare Pancotto, è stato intervistato dal Corriere dello Sport facendo una panoramica sullo stato di salute del nostro basket: “Negli anni Ottanta – ha spiegato – c’era la voglia di far diventare nazionale il nostro sport, coinvolgendo le piazze del centro-sud. I club avevano nei settori giovanili un tesoro inestimabile sul quale investivano perché era tutelati dai cartellini, al contrario di oggi. Negli anni Novanta è aumentato l’entusiasmo e sono arrivati grossi investimenti, grazie alla liquidità proveniente dai diritti tv e alla presenza di grandi proprietari. L’errore fu pensare che quell’epoca d’oro non sarebbe mai finita“.

Successivamente Pancotto ha analizzato brevemente l’evoluzione del gioco, andando contro corrente rispetto a quelli che preferivano la pallacanestro di qualche decennio fa: “Il gioco di oggi mi piace, ho capito fin da quando ho iniziato che la tecnica avrebbe lasciato il posto a fisicità e atletismo ma ho ancora voglia e curiosità. Il ritiro? Finché avrò passione, entusiasmo, energia e voglia di mettermi a disposizione continuerò”, ha concluso.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.