Che fatica per Milano: Pesaro domata solo nel finale

Home Serie A Recap

EA7 Emporio Armani Milano – Consultinvest Pesaro : 82-78

(23-17; 39-44; 61-58; 82-78)

batista milanoTorna alla vittoria Milano, che deve sudare più del previsto contro una Pesaro mai doma. Gli uomini di Repesa riscattano la sconfitta con appena 50 punti segnati di settimana scorsa a Brindisi, ma non convincono del tutto al Forum. Nel match contro i marchigiani il primo impatto è positivo, ma nei due quarti centrali si è faticato a contenere l’ MVP Daye (32 punti e 6 rimbalzi, con 10/12 da 2). E’ stato necessario un finale in crescendo quindi, con Sanders (13 punti) che ha riscattato una prova fin lì opaca e soprattutto l’impatto di McLean (7 punti), comprimario silenzioso per 35 minuti prima di segnare tutti i punti decisivi. La Consultinvest ha pagato l’ arrivo in volata con la spia della benzina accesa, causa panchina molto più corta degli avversari e le mancanze di alternative al faro Daye. Christon (12), Shepherd (13) e Lacey(10) scollinano la doppia cifra, ma il contributo del resto della squadra è nullo. Per Milano invece altra grande prova di Simon (22), sempre più leader di questa squadra, coadiuvato dalla continuità di Batista (20 e 11 rimbalzi). Con questi 2 punti le scarpette rosse fanno un altro passo deciso verso il primo posto in Regular Season, mentre Pesaro deve continuare a tenere un occhio sullo specchietto retrovisore  a causa della vittoria di Torino, anche se sembra ormai che  riguardi più la matematica certezza rispetto a una reale minaccia di retrocessione.

daye pesaroTornando alla partita, l’ Olimpia scatta decisa dai blocchi ed è 5-0 in apertura con impatto immediato di Simon. Pesaro fatica a trovare la via del canestro, e deve affidarsi per forza al talento di Daye (già 10 nel primo quarto) per restare in scia dei padroni di casa. Alla prima pausa il tabellone dice dunque 23-17, con sole sei lunghezze di ritardo per gli ospiti. Nel secondo quarto però la Consultinvest parte convinta e con uno 0-7 nei primi due minuti firma il primo sorpasso di serata. Batista è scatenato e impatta di nuovo a quota 28, ma quando ai accende anche Shepherd Pesaro allunga di nuovo e va negli spogliatoi avanti sul 39-44. Repesa si fa sentire durante l’ intervallo e al rientro in campo Milano torna subito in parità con Cerella e Macvan sul 48-48. Ma una volta spalle al muro i biancorossi reagiscono mostrando gli artigli e il 2-10 che segue riporta l’ EA7 a inseguire sul 50-58. Ci pensano il primo canestro di Kalnietis e il solito Simon a creare il contro-parziale, e stringendo le maglie in difesa Milano si trova al 30’ di nuovo in vantaggio sul 61-58. Arrivata nell’ultima frazione a contatto, Pesaro non mostra nessuna intenzione di mollare e con Christon e Lydeka risponde colpo su colpo al redivivo Sanders. L’ Olimpia prova ad accelerare il ritmo, ma gli ospiti rimangono sempre attaccati e il massimo break arriva da McLean, che dalla lunetta segna il 77-73 a 2 minuti dalla sirena. E’ il momento decisivo, perché lo stesso McLean non si ferma più e decide la partita allungando la forbice. Finisce 82-78, nonostante i tentativi disperati di un mostruoso Daye.

EA7 Emporio Armani Milano: Lafayette 5, Kalnietis 5, Simon 22, Cerella 3, McLean 7, Macvan 7, Sanders 13, Magro n.e., Batista 20, Cinciarini n.e., Vecerina n.e., Calò n.e.

T2 15/39     T3 12/27      TL 2/5

Rimbalzi 37 (Batista 11)

Assist 17 (Kalnietis 9)

Consultinvest Pesaro: Basile 3; Shepherd 13; Gazzotti 0; Lacey 10; Christon 12; Daye 32; Solazzi 0; Candussi 2; 2 Lydeka 6; Ceron n.e.

T2 30/46     T3 3/17      TL 9/11

Rimbalzi 32 (Daye 6)

Assist 15 (Christon 5)

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.