Chris Bosh credeva che sarebbe stato il giocatore chiave tra i “Big Three” di Miami

Home NBA News

Quando Chris Bosh è andato ai Miami Heat per formare i “Big Three”, ha subito pensato che sarebbe stato il fulcro della squadra, credendo che LeBron James e Dwyane Wade avrebbero utilizzato le loro abilità di passaggio a proprio vantaggio. Non è andata come si aspettava ma è comunque soddisfatto dei risultati.

Bosh ha parlato con Shannon Sharpe dove ha rivelato alcuni succosi dettagli sui “Big Three” degli Heat. Bosh ha condiviso che la cosa principale per gli Heat in quel periodo era di fare spazio sufficiente per firmare alcuni free agent di grande nome. Miami gli aveva detto che se si fosse unito agli Heat, allora James avrebbe firmato per loro. Era tutto ciò di cui Bosh aveva bisogno per firmare l’accordo.

Bosh ha presto scoperto che il playbook degli Heat non lo poneva necessariamente al centro delle azioni offensive. Inoltre, sia James che Wade hanno fatto grandi cose su entrambe le estremità del campo. Dopo questa realizzazione, Bosh ha capito come si sarebbe inserito nella squadra.

È stato sicuramente un compito difficile. Ma Bosh è uscito da quell’esperienza con due anelli. E questo è tutto ciò che conta.

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.