Colpaccio Urania, battuta Verona a domicilio

Serie A2 Recap

Tezenis Verona – Urania Milano 79-86

(16-23, 21-20, 15-17, 27-26)

Una splendida Urania vince con autorità in casa della capolista Verona. Gara sempre condotta dai Wildcats che prima scappano via trascinati da Montano e da un ottimo capitan Benevelli (16 con 4/7 da tre). Poi nella ripresa contengono tutti i tentativi di rientro della Tezenis: decisiva l’ottima difesa degli uomini di coach Davide Villa, la verve di Sabatini (11 con 5 assist) ed i colpi da campione di Montano (21 con rimbalzi), al resto pensa la solita straordinaria versatilità di Raivio in versione Luke Sikma. Altra doppia doppia per l’E.T. dei milanesi con 14 punti, 13 rimbalzi e 5 assist a referto.

LA GARA

Parte con le marce alte la Tezenis che trova subito conclusioni vincenti dall’arco, 6-0 dopo la tripla di Tomassini. Reazione immediata dell’Urania che entra in partita, Benevelli e Montano mettono la freccia, 9-10. Wildcats che mordono anche in difesa, faticano a trovare i rifornimenti per Candussi i padroni di casa, è allungo milanese dopo il canestro di Lynch. Arriva sino a più 10 il margine ospite dopo l’incursione di Raivio (13-23), la Scaligera cambia spartito e prova ad innescare Poletti, 22-26. Milano resiste ancorata sempre a Benevelli e Montano, alla pausa lunga è più 6 Urania, 37-43. Prove tecniche di fuga in apertura di ripresa, funzionano a meraviglia sia la difesa che le rotazioni in attacco per la truppa di coach Davide Villa, risponde presente anche la panchina con il botto di Negri per il più 14. 46-60. Non mancano talento e profondità in casa gialloblu, Udom e Severini per il nuovo meno 8, 52-60. Altra spallata della Tezenis nel quarto periodo, tutta l’esperienza ed il mestiere di Hasbrouck nel parziale che riporta la Scaligera ad un solo possesso, 72-74. Sabatini, Raivio e Montano hanno ancora energia ed orgoglio per riportare i Wildcats a più 7 (72-79), Verona non molla mai e c’è ancora partita al 39’, 77-82. Udom prova a guidare l’ultimo assalto gialloblu ma è tardi, non tremano le mani di Montano e Raivio dalla lunetta ed è trionfo Urania, 79-86.

TABELLINI

Tezenis Verona: Kenny Hasbrouck 14 (1/2, 4/12), Giovanni Severini 13 (1/1, 3/5), Mattia Udom 12 (3/3, 1/5), Francesco Candussi 10 (3/5, 0/0), Guido Rosselli 10 (5/6, 0/1), Giovanni Tomassini 10 (2/5, 2/5), Mitchell Poletti 10 (3/5, 0/1), Jermaine Love 0 (0/3, 0/2), Jacopo Van der knaap 0 (0/0, 0/0), Roberto Prandin 0 (0/0, 0/0), Alessandro Morgillo 0 (0/0, 0/0), Davide Guglielmi 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 13 / 15 – Rimbalzi: 29 7 + 22 (Mitchell Poletti 7) – Assist: 18 (Jermaine Love 5)

Urania Milano: Matteo Montano 21 (2/3, 3/5), Andrea Benevelli 16 (2/2, 4/7), Nik Raivio 14 (5/11, 0/3), Gherardo Sabatini 11 (4/6, 1/5), Reggie Lynch 8 (4/11, 0/0), Andrea Negri 6 (0/0, 2/4), Sebastiano Bianchi 5 (1/2, 1/2), Giorgio Piunti 5 (1/2, 1/1), Vittorio Lazari 0 (0/0, 0/0), Michele Piatti 0 (0/0, 0/0), Samuele Giardini 0 (0/0, 0/0), Giordano Pagani 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 12 / 15 – Rimbalzi: 36 11 + 25 (Nik Raivio 13) – Assist: 15 (Nik Raivio, Gherardo Sabatini 5)

 

Ufficio Stampa Urania Milano

  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.